CronoForum - Il Punto Di Discussione Sulle Cronoscalate - Cronosprint
CronoForum - Il Punto Di Discussione Sulle Cronoscalate - Cronosprint
Home | Profilo | Registrati | Discussioni attive | Utenti | Cerca | FAQ
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Dimenticato la tua Password?

 Tutti i forum
 Oggi in Montagna
 Regole e Regolamenti
 SICUREZZA percorsi, ipotesi e suggerimenti
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Pagina Precedente | Pagina Successiva
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva
Pagina: di 155

mimmo60

1269 Messaggi

Inviato il 26/09/2009 :  21:31:42  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Dimmi tu Marco quando mai gli spettatori in un rally stanno sempre in posizione sicura....., ti inviterei domani a Massalubrense e capirai quello che dico.
Torna all'inizio della Pagina

Marco tutto salite

6525 Messaggi

Inviato il 26/09/2009 :  21:49:36  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Mimmo ti credo e me lo immagino quello che puo' succedere,comunque tornando al rally,non molto tempo fa' hanno trasmesso un servizio sul telegiornale(ne ero certo che ne parlavano ci sono stati i feriti).Se non succedeva niente non avrebbero detto una notizia,stanno tutti li gli avvoltoi,le piovre ed i denigratori delle corse di auto,subito pronti a puntare il fucile contro appena succede qualcosa.Il giornalista diceva che secondo il pilota andava a 100 KMH e le persone erano sul ciglio della strada in una posizione non consentita,questo secondo quello che hanno riferito,adesso ci saranno le indagini per appurare come sono andate effettivamente le cose.
Torna all'inizio della Pagina

pietris

10718 Messaggi

Inviato il 29/09/2009 :  16:32:34  Guarda il profilo di  Visita il Sito di pietris  Rispondi Citando
http://www.youtube.com/watch?v=qLIaTVhGWhw&feature=related



Marco.... ti chiedo un favore evita di raccontarmi che i Rally sono più pericolosi delle salite..... perchè in quelle condizioni di salite ne ho viste decine e decine......
Ecco perchè poi ci sono delle menti pensanti che pensano di sopprimere le competizioni motoristiche su strade normali come rally e salite....

Anzi...... proporrei una tassa aggiuntiva per i piloti..... 2 euro di candele da accendere al Santo patrono del luogo.....prima di ogni gara.....

Ciao

Modificato da - pietris il 29/09/2009 16:35:43
Torna all'inizio della Pagina

pietris

10718 Messaggi

Inviato il 29/09/2009 :  17:07:22  Guarda il profilo di  Visita il Sito di pietris  Rispondi Citando
Morte alla Caprino-Spiazzi, l'inchiesta ora si allarga


8 Agosto 2009

La morte di Alessandro Roin, o meglio l'indagine su quel che avvenne l'11 maggio dello scorso anno alla Caprino-Spiazzi, proseguirà. Non solo, il giudice per le indagini preliminari Guido Taramelli, respingendo la richiesta di archiviazione presentata dal pm a carico del pilota, il bolzanino Thomas Sparer (che dopo aver sbandato travolse alcuni spettatori uccidendo Roin e ferendo altre due sue amiche), ha ordinato l'iscrizione nel registro degli indagati di altre cinque persone «soggetti che formalmente», scrive il gip, «possono ritenersi avere assunto una posizione di garanzia nei confronti non solo dei partecipanti alla gara, ma anche degli spettatori».
Una vicenda che tornerà nuovamente sul tavolo della dottoressa Maria Cristina Motta: il giudice oltre ad ordinare l'iscrizione nel registro degli indagati del presidente della società organizzatrice, del direttore di gara, di due responsabili della sicurezza del tracciato e del commissario di percorso nel tratto di pista dove si verificò l'incidente, ha disposto un supplemento di indagine.
Questo per appurare se Sparer fosse effettivamente consapevole della situazione di pericolo e se potesse rendersene conto. L'auto del pilota di Bolzano, una Honda Civic, pochi istanti dopo la partenza affrontò la prima curva alla velocità prevista (e in quel punto le auto superano i 100 chilometri l'ora) ma piombò contro il guard rail, abbattè la recinzione dietro alla quale c'era un gruppo di spettatori. Roin venne travolto in pieno.
Nell'immediatezza i genitori del giovane (figlio di un meccanico preparatore e lui stesso pilota che per 5 anni aveva partecipato alla Caprino-Spiazzi) lamentarono che nessuno li aveva fatti spostare. Inoltre il fatto che poco distante venissero venduti i biglietti, secondo i legali che li rappresentano (gli avvocati Andrea Berardo e Filippo Caprara), avrebbe dovuto spingere gli organizzatori a prendere provvedimenti
o quantomeno a sospendere la gara.
In questi termini presentarono la denuncia in procura ma solo il pilota venne iscritto nel registro degli indagati (un atto dovuto) per l'ipotesi di omicidio colposo.
«Atteso che nel caso è emersa un'evidente responsabilità in capo a coloro che dovevano impedire il posizionamento degli spettatori nei punti più pericolosi del tracciato», motiva il gip Taramelli nell'ordinanza, «come appunto il punto nel quale lo Sparer è uscito di strada investendo il Roin» il magistrato, sottilineando che non erano stati indagati «ancorchè nominalmente denunciati tempestivamente dalle persone offese», ha chiesto di verificare l'esistenza di eventuali omissioni «nell'adozione di quelle concrete misure di sicurezza che avrebbero dovuto essere adottate» per evitare quello che si verificò.
E accorda al pm sei mesi per effettuare il supplemento d'indagine.F.M.

Fonte L'Arena.it
http://www.larena.it/stories/Cronaca/76227__morte_alla_caprino-spiazzi_linchiesta_ora_si_allarga/

Modificato da - pietris il 01/10/2009 20:53:31
Torna all'inizio della Pagina

pietris

10718 Messaggi

Inviato il 29/09/2009 :  17:09:27  Guarda il profilo di  Visita il Sito di pietris  Rispondi Citando
Volutamente non voglio commentare la notizia!

Voglio solo raccomandare ai commissari di percorso, che in diversi qui sul forum hanno manifestato apprezzamento per il topic e per gli argomenti trattati, di porre attenzione .... al pubblico, alle zone vietate..... alle forze dell'ordine..... Insomma abbiate coscienza che la vostra passione per i motori NON può offuscare la vostra coscienza critica......
Altro che bandiere rosse....... Se ci sono persone in zone vietate.... PRETENDETE l'intervento delle forze dell'ordine ed in caso non venisse accolta la vostra richiesta...... documentate, documentate, documentate ... provate.... testimoni....., foto.... audio..... insomma, scusate il francesismo......

"......paratevi il c..o....!!!"

Ciao

Modificato da - pietris il 29/09/2009 17:22:28
Torna all'inizio della Pagina

Luigibobo

512 Messaggi

Inviato il 29/09/2009 :  17:17:51  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Io vorrei tanto commentarla esprimendo sinceramente il mio parere.....ma non posso....

L'unico incolpevole per me e' il giovane Sparer......

Questa almeno mi e' concessa??? Pietris sei libero di editare il post...

Si dovrebbe cominciare ad avere il coraggio di usare le rosse per ordine pubblico...
Torna all'inizio della Pagina

LEGALE

7218 Messaggi

Inviato il 29/09/2009 :  17:27:03  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
..vi e'solo da dire che un macigno immenso pesa su tutte le persone coinvolte nella vicenda.....
e sul futuro della specialita'.
Torna all'inizio della Pagina

ArmaLetale

8303 Messaggi

Inviato il 29/09/2009 :  18:51:07  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
nn esiste ke un pilota ke fà sacrifici e tutto una domenica va a correre x divertirsi...sbatte distrugge l auto e finisce anche in una lista di indagati...........x alcuni incoscienti.

fino a poco fà i commissari erano responsabili solo di quello ke accadeva ai piloti...perchè nn diamo un po di responabilità a chi approva il piano sicurezza ed ai vari prefetti ecc ecc
Torna all'inizio della Pagina

Marco tutto salite

6525 Messaggi

Inviato il 29/09/2009 :  20:30:24  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Pietris io nel mio post sopra non ho fatto la differenza tra salite e rally e non mi sembra di aver detto che i rally sono piu' pericolosi delle salite.Se devo giudicare comunque dico di si,perche' ho assistito a centinaia di gare in salita ed ho visto anche dei rally anche se molti meno delle salite ed ho visto la differernza di dove si posizianano gli spettatori in salita e dove nei rally,non ci sono paragoni a favore delle salite.Intanto per cominciare nei rally si corre anche in discesa,le macchine prendono prima piu' velocita' ed i freni si riscaldano di piu',hai visto il video che hai messo??? In salita li non ti ci avrebbero fatto mettere.Per quanto riguarda Caprino anche se e' un atto dovuto trovo assurdo che venga indagato il pilota che va' a correre e puo' avere un incidente,mica lo ha fatto apposta,quelle persone sotto la strada non ci dovevano passare,la colpa e' la loro e di chi li ha fatti passare li,l'unico innocente e' il pilota ed e' da assolvere.

Modificato da - Marco tutto salite il 29/09/2009 20:32:22
Torna all'inizio della Pagina

LEGALE

7218 Messaggi

Inviato il 29/09/2009 :  21:43:29  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
.Carissimo Franco... con chi dovrei interloquire??????????
vorrei solo ricordare ai piu'giovani che due incidenti,purtroppo mortali,decretarono la fine sia della Mille Miglia,sia della Targa Florio,le piu'belle corse al mondo su strada.....
.qui si parla di inquisire anche i Prefetti.....
Torna all'inizio della Pagina

pietris

10718 Messaggi

Inviato il 30/09/2009 :  17:45:06  Guarda il profilo di  Visita il Sito di pietris  Rispondi Citando
CASTEL D’AZZANO.
«Sono contento che l'indagine su quel tragico incidente in cui perse la vita mio figlio Alessandro prosegua: è un diritto di mio figlio, di noi genitori e dello sport dei motori». È questo il commento a caldo di Roberto Roin, padre di Alessandro quando, impegnato a mettere a punto i motori nel mezzo di una gara, gli hanno comunicato la notizia che il giudice per le indagini preliminari, Guido Taramelli, ha respinto la richiesta di archiviazione presentata dal Pubblico ministero. La tragedia avvennne l'11 maggio dello scorso anno nella gara di rally Caprino Spiazzi, quando il pilota Thomas Sparer, dopo aver sbandato travolse alcuni spettatori, uccidendo Alessandro Roin, 25 anni, e ferendo altre due sue amiche.
«Proseguire l'indagine», spiega il padre meccanico preparatore e lui stesso pilota che per cinque anni ha partecipato alla Caprino-Spiazzi, «è un atto di giustizia nei confronti di mio figlio, accusato di essere incosciente perchè spettatore in un posto non aperto al pubblico. I fatti sono andati diversamente; tanti testimoni lo sanno. E non è vero che le macchine in quel punto vanno ai cento all'ora. Lo so perchè l'ho provato, non solo, e anche perchè un pilota che negli anni scorsi ha vinto, ha toccato proprio in quel punto la velocità di 224 chilometri orari». «Una strada non è una pista da corsa. In questo sport», sottolinea ancora Roberto Roin, «occorre poi distinguere chi lo pratica per passione e chi invece lo vive solo per fare soldi, in barba alle ragioni di sicurezza dei piloti e degli spettatori. Giusta quindi l'indagine».
Sulla stessa linea d'onda la madre, Gigliola: «Sono contenta perchè è un cammino per fare emergere la realtà dei fatti e togliere ombre da mio figlio. Archiviare tutto significava inoltre non solo non far emergere responsabilità, ma indirettamente permettere il ripetersi di simili situazioni». «Mio figlio», prosegue la signora Gigliola, «aveva la passione delle macchine, l'aveva presa da suo padre. Lo capivo e capisco i giovani, come lui, sono come mio figlio.
In forza di questa condivisione di emozioni, mi rallegro di questa decisione e mi auguro regole chiare, precauzioni serie. Le passioni sono da vivere, rendono la vita intensa; i giovani hanno diritto a coltivarle, gli adulti il dovere di proteggerle perchè siano un'esaltazione di vita, e non di morte. È questa la speranza che renderà ancora viva la presenza di nostro figlio».
«Abbiamo lavorato in questi mesi perchè la tragedia di Alessandro non fosse archiviata», spiegano gli avvocati di famiglia Filippo Caparra e Alberto Berardo, «anche se la nostra è una magra soddisfazione perchè tutto ruota attorno alla morte di un giovane, vogliamo che emergano le reali responsabilità che a nostro avviso vanno al di là del pilota che è uscito di strada, ma coinvolgono altre persone.
Ci gratifica che il gip le abbia riconosciute iscrivendo nel registro degli indagini altre cinque persone. Ora ci sono sei mesi per concludere le indagini e fare venire a galla oltre alla dinamica dei fatti, le diverse responsabilità. Abbiamo fiducia che questo avvenga».

fonte L'Arena.it
http://www.larena.it/dossiers/Comunit%C3%A0/8/14/77178/


Modificato da - pietris il 01/10/2009 20:52:54
Torna all'inizio della Pagina

Marco tutto salite

6525 Messaggi

Inviato il 30/09/2009 :  18:43:58  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
L'incidente di Caprino non e' paragonabile a quello del rally di domenica,al rally si era in discesa,con una curva secca a sinistra e la gente era vicina alla strada,mentre a caprino il pilota e' uscito ed e' andato alla sua destra volando sotto la strada e colpendo delle
persone che passavano sotto,percio' come avete detto voi il pilota e' indagato per atto dovuto,ma secondo me deve essere scagionato,e' un incidente di gara,e' uscito e che colpa ne ha???,se la gara si e' svolta vuol dire che il percorso e' stato giudicato a norma,poi fanno bene a continuare le indagini per scoprire la verita',comunque vorrei chiedervi delle cose,a fine ottobre si corre a Caprino,non puo' essere che e' tutto sistemato,altrimenti non avrebbero dato il permesso, e poi, dopo che a Pedavena alcuni anni fa' c'e' stato quell'incidente mortale,il pilota che ha causato il tutto e' stato indagato??? Queste sono domande.
Torna all'inizio della Pagina

Marco tutto salite

6525 Messaggi

Inviato il 30/09/2009 :  19:49:10  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Io capisco il padre per il dispiacere,ci mancherebbe,per quanto rigurda la velocita' quella cifra si raggiunge in molte gare,Nissena
Rieti,Spino e tante altre,allora che facciamo??? Chiudiamo tutto e non corriamo piu',ribadisco,che le gare in salita hanno una commissione di persone che vanno a visionare il percorso e danno il permesso,per Caprino la commissione di vigilanza per il percorso ha dato il via libera,altrimenti li non si correva,adesso e' successo un incidente come ce ne sono tanti,purtroppo quei ragazzi sfortunati passavano sotto la strada proprio mentre e' uscito Sparer,e' un tragico e maledetto incidente,li non si doveva passare,diciamo che non si immaginavano una cosa del genere,io non lo so,forse erano in ritardo e volevano raggiungere un punto del percorso piu' avanti,
oppure andare da altre parti,che ti devo dire,io a Caprino sono stato 5 volte a vedere la gara,ma mi sono messo in alto in un posto
al sicuro e non mi e' successo niente,prima di sistemarmi quando vado alle gare ci ripenso molte volte e cerco di scegliere il posto dove si vede meglio,ma anche cercare il punto piu' sicuro.
Torna all'inizio della Pagina

Marco tutto salite

6525 Messaggi

Inviato il 01/10/2009 :  00:03:17  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Prima dite che difendo le gare all'estero e vado contro quelle Italiane,adesso dite che difendo le gare Italiane e che faccio la difesa d'ufficio,niente di tutto questo io dico il mio parere come la penso,Caprino non e' la mia gara di casa che la devo difendere e non faccio l'avvocato di nessuno,come non sono il difensore delle gare all'estero.Se in quel punto c'erano delle persone era compito degli addetti in quel punto di dirgli di spostarsi,comunque nessuno di quelli che era sulla strada e' stato colpito,la macchina e' volata di sotto e non ha preso nessuno che era in zona vietata,ma andando di sotto ha centrato questi ragazzi che passavano li sotto e non ci dovevano passare,Pietris,mi dispiace per loro,ma erano maggiorenni,grossi e vaccinati e dovevano sapere dove camminavano,io in quel posto vietato non ci sarei mai passato.
Torna all'inizio della Pagina

pietrosila

225 Messaggi

Inviato il 01/10/2009 :  09:04:45  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
nella qualità di ideatoore,promotore ed organizzatore della sila piccola"albi-villaggio mancuso" e della montepaone-montauro, gare che non si organizzano più, per problemi ambientali...ho sempree dato risalto alla sicurezza del percorso, d'altra parte, l'ispettore della sicurezza della csai (che è rimasto meravigliato del livello di sicurezza raggiunto in pochi anni dalla sua progettazione) ha definito il percorso della sila, il più sicuro nel contesto dello scenario sportivo nazionale!!!, per chi non lo conosce ci sono 10,5 km di lame triple e doppie, in alcuni tratti triple sormontate dalle doppie, oppure tratti con lame sormontate dalla bandaponte!!!, massima sicurezza, oltre la media di 95kmh - pilota Irlando...( queste sono le tipiche gare in salita). Secondo VOI, questa gara doveva continuare la sua vita?...ah!ah!ah! un anno il tivm, subito bocciata...ragazzi siamo seri
Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 155 Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
Pagina Precedente | Pagina Successiva
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Vai a:
Vai all'inizio della pagina CronoForum - Il Punto Di Discussione Sulle Cronoscalate - Cronosprint - © Cronosprint
Herniasurgery.it | Superdeejay.net | Snitz Forums 2000