CronoForum - Il Punto Di Discussione Sulle Cronoscalate - Cronosprint
CronoForum - Il Punto Di Discussione Sulle Cronoscalate - Cronosprint
Home | Profilo | Registrati | Discussioni attive | Utenti | Cerca | FAQ
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Dimenticato la tua Password?

 Tutti i forum
 Oggi in Montagna
 Regole e Regolamenti
 SICUREZZA percorsi, ipotesi e suggerimenti
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Pagina Precedente | Pagina Successiva
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva
Pagina: di 155

virna

2204 Messaggi

Inviato il 29/05/2008 :  09:44:58  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Totalmemnte d'accordo con Cotone anch'io!
Sono stata personalmente testimone del "disalinneamento" tra forze dell'ordine e organizzaizione.
Ho visto far posizionare agenti in zone dove era del tutto immotivata la loro presenza, lasciando vuoti posti dove invece faceva molto comnodo avere un agente in servizio...
A volte mi viene da pensare che siano solo sciocche "ripicche" e giochini di potere solo per far vedere che comandano loro e che non si sottopongono alle richieste (ragionate e fondate) degli organizzatori e del direttore di gara.
Un pochino di umiltà e spirito di collaborazione in più non guasterebbe... Anche perché le forze dell'ordine dovrebbero dare l'esempio...
Virna
Torna all'inizio della Pagina

dipsacus

3857 Messaggi

Inviato il 29/05/2008 :  18:35:16  Guarda il profilo di  Visita il Sito di dipsacus  Rispondi Citando
Innanzitutto dico che se ci fossero 70 Cotone come commissari di gara in ogni manifestazione si farebbe a meno di tanta forza dell'ordine. Preciso, serio sempre pronto complimenti!

Sul discorso della dislocazione non utile delle forze di polizia credo che solamente la CSAI potrebbe fare un'opera generale di persuasione, magari incontrando i responsabili nazionali delle polizie e spiegando bene di cosa ci sarebbe bisogno, emanando quindi delle circolari ad hoc.
Solo con un intervento generale dall'alto si potra' ottenere qualcosa. Non si possono biasimare i comandanti locali delle forze dell'ordine in quanto non si intendono di corse e magari ritengono solamente di cercarsi un posto per vedere la gara....

Ci vogliono ordini preventivi che vengano dall'alto. Un organizzatore poco puo' quando magari un capitano dei cc o un commissario di polizia non segue le loro indicazioni....

Personalmente mi sono trovato in una curva accanto ad un maresciallo che non interveniva piu' di tanto contro la gente che si posizionava male. Alla mia domanda specifica mi ha risposto: "non posso essere io a capire se ci possono stareli' o no, mi devono dare un ordine preciso del tipo LI' NO.
Della serie: tu mi dici quello che devo fare e io lo ffaccio.....
Torna all'inizio della Pagina

Anyonello

1570 Messaggi

Inviato il 30/05/2008 :  11:10:00  Guarda il profilo di  Visita il Sito di Anyonello  Rispondi Citando
Oltre ad essere d’accordo con cotone e con virna, credo che manca un dialogo tra le parti in causa, Organizzatore, Commissione di vigilanza, Direttore Gara, Commissari e Forze dell'Ordine e non ultima la CSAI che con la sua ufficialità deve rendere i contatti tra questi fluidi e principalmente CHIARI.
Pare infatti, che nonostante tanti "controllori", si finisca a non controllare affatto, ed ognuno va per la propria strada.
E' emblematico su come i percorsi vengono tappezzati di manifesti con "zona vietata al pubblico" da per tutto, ma che nessuno chiarisca come e chi deve intervenire nel caso di vere e proprie invasioni. Probabilmente, ma i fatti e le dichiarazioni che ascolto mi danno conferma, servono al solo scopo di lavarsene le mani, “te lo avevo detto, ed ora arrangiati”, espressione che a prescindere del valore in sede penale, mi lascia letteralmente costernato.
Premesso che è assolutamente necessario che si potenziano i commissari di percorso, sia come quantità che qualità, in modo che non ci siano parti del percorso, anche minime, non sorvegliate a VISTA. Restano le forze dell’ordine, la cui competenza è quella generica del ”ordine pubblico”, che nel calcio (per fare un esempio) è ben codificata e concordata tra le parti, mentre nelle nostre gare è lasciata all’improvvisazione e alla buona fede dei militi, che rispondono solo ai propri superiori.
E chiaro che in questo modo si creino situazioni delle più disparate e spesso in contrasto tra loro aumentando, invece di contenere, il pericolo, anche ai danni degli stessi controllori.
Torna all'inizio della Pagina

pietris

10718 Messaggi

Inviato il 30/05/2008 :  11:29:25  Guarda il profilo di  Visita il Sito di pietris  Rispondi Citando
Un tale coordinamento Antonello sarebbe la soluzione a molti problemi di ordine pubblico....
Condivido in pieno il tuo pensiero sulle zone vietate..... Non basta avere una zona vietata, per poi essere costretti a dire: "....NOI vi avevamo avvertito....".
Un coordinamento tra le varie entità, codificato sono d'accordo, tale che non si debba arrivare a dover giustificare il proprio operato......
Se necessari anche una sorta di stuard (volontari) seguendo l'esempio del calcio.....che possano presidiare (da lontano) le zone vietate con questo esclusivo compito....

Ciao
Torna all'inizio della Pagina

cotone

231 Messaggi

Inviato il 30/05/2008 :  18:24:57  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Vedo molto favorevolmente l'idea di chiarezza sui compiti da svolgere, accordi presi e codificati.

Sugli stuart ho qualche dubbio a riguardo del fatto che non so quanto il pubblico sia pronto ad obbedire ad un loro avvertimento. Vedo più rispetto verso una persona in divisa.

X Dispacus: grazie ma non esageriamo!! Nessuno è perfetto e non sempre tutte le cose dipendono dalla volontà dei CP, specialmente quelleal di fuori della strada. Sono solo un piccolo tassello di un grande puzzle. Vediamo di incastrarci tutti al meglio!
Torna all'inizio della Pagina

dipsacus

3857 Messaggi

Inviato il 30/05/2008 :  19:11:04  Guarda il profilo di  Visita il Sito di dipsacus  Rispondi Citando
sono talmente d'accordo con Antonello che ribadisco il mio concetto, ovvero che penso debba essere la stessa CSAI a prendere accordi precisi a livello nazionale, che poi andranno rispettati da parte di tutte le organizzazioni e di tutti i comandi di forze di polizia coinvolti.
Nel calcio succede cosi', la federcalcio si e' data delle regole e le ha estese alle forze dell'ordine che le fanno rispettare.
Torna all'inizio della Pagina

pietris

10718 Messaggi

Inviato il 30/05/2008 :  19:22:34  Guarda il profilo di  Visita il Sito di pietris  Rispondi Citando
cotone....facciamo un'ipotesi.....
Uno addetto X che presidia una zona vietata si accorge che nella zona di competenza ci sono spettatori....
L'addetto gentilmente si avvicina declinado le proprie mansioni.....invita sempre molto gentilmente le persone ad abbandonare la zona vietata...., se non ci sono esiti positivi, sempre molto gentilmente avverte che sarà costretto ad avvisare la direzione gara e le forze dell'ordine ....., se neanche questo sortisce l'effetto voluto, sempre molto gentilmente si contatta chi di dovere....si interrompe la gara......si fanno prendere le generalità di chi ha violato la norma.....e se ci sono ripercussioni sulla manifestazione di carattere economico, sarà cura degli organizzatori....sempre in maniera gentile e pacata...adire le vie legali.......
UNA per tutte!!!
Così facendo si liberano forze di polizia per presidiare i punti più pericolosi.....
Ma se tutte le zone vietate sono già presidiate dalle forze dell'ordine....è naturale che se ne può fare benissimo a meno.....

Ciao
Torna all'inizio della Pagina

LEGALE

7218 Messaggi

Inviato il 30/05/2008 :  20:22:22  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
.Vi rimando alla lettera del mio Collega inviata ad un notissimo settimanale a seguito dei fatti di Caprino....
Torna all'inizio della Pagina

FDP

1219 Messaggi

Inviato il 30/05/2008 :  22:36:48  Guarda il profilo di  Visita il Sito di FDP  Rispondi Citando
Qualcuno dei frequentatori di questo topic sa che mi sono sempre battuto sulla sicurezza delle auto che partecipano alle salite. A questo proposito vorrei far notare che quando le velocità sono troppo alte non ci sono misure di sicurezza passiva che tengono. Bisogna limitare le velocità.
Ma vorrei portare un modesto contributo sulla sicurezza degli spettatori.
Alle Rocche Aquilane a meta percorso c'è un tornanate con un bivio ad Y.
Sull'esterno della curva dentro al bivio non percorso di gara c'è una rudimentale bassa costruzione di laterizi e cemento.
Molte persone seguivano la corsa appoggiati alla parete.
Erano presenti sia forze dell'ordine che commissari di percorso.

La posizione era tale che in caso di lungo di un concorrente esisteva il rischio che l'auto da gara avrebbe potuto schiantarsi piu o meno violentemente contro la costruzione schiacciando miseramente gli spettarori contro la parete stessa.
Quando sono arrivato mi sono preso la briga di spiegare pacatamente agli spettatori che la loro posizione poteva essere molto pericolosa, tutti si sono allontanati senza la minima difficoltà e senza mugugni.
Quale è la morale?
Che se si sa spiegare con chiarezza quali reali pericoli si corrono occupando certe posizioni la gente non è stupida....... a morire non piace a nessuno.

Da quanto sopra vorrei suggerire che gli addetti alla sicurezza e i commissari devono essere altamente formati per questo tipo di attività.
Perchè solo formando gli addetti si possono formare gli spettatori.
Torna all'inizio della Pagina

LEGALE

7218 Messaggi

Inviato il 30/05/2008 :  22:51:09  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
pienamente d'accordo con te carissimo Francesco...
Torna all'inizio della Pagina

LEGALE

7218 Messaggi

Inviato il 30/05/2008 :  22:57:25  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
.Dio solo sa quante volte ho richiamato qualcuno che si era messo nel posto sbagliato.....
Torna all'inizio della Pagina

cotone

231 Messaggi

Inviato il 31/05/2008 :  19:31:28  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Sulla carta, Pietris, le tue idee trovano il mio consenso.

Persone come FDP e LEGALE sono encomiabili così come tutte quelle che oltre al buon senso, rischiano un VAF... o un che AZZ vuoi? nel tentare di far spostare il pubblico.

Le reazioni del pubblico sono le più disparate: c'è chi si sposta immediatamente, c'è chi chiede scusa per non aver letto il cartello, c'è chi fa finta di non sentire, c'è chi ti prende in giro, chi ti risponde che la pelle è la sua, chi si sente protetto dal 'branco' o peggio,invulnerabile.

A volte è sufficiente essere ragionevoli e spiegare le situazioni (anche se non ci dovrebbe essere bisogno!!) altre NO, credimi, FDP.
La tua idea, benchè sempre applicabile, non sorte sempre gli effetti voluti.
Torna all'inizio della Pagina

pietris

10718 Messaggi

Inviato il 07/06/2008 :  19:21:41  Guarda il profilo di  Visita il Sito di pietris  Rispondi Citando
Forse non è il momento più adatto.......
Però in questo tragico frangente forse è più facile far capire alle persone certi argomenti!
Sono ormai moltissimi anni che ci frequentiamo virtualmente. Sono anni Che ci diamo, in rare occasioni per fortuna, tragiche notizie.....
Sono anni che ad ogni incidente ci affrettiamo a definire fatalità...., destino.....
Ora non ci stò più!!!!
Il vocabolario della lingua italiana alla parola destino recita....
".....il corso degli eventi che alcuni ritengono immutabile, perché predeterminato da leggi o forze al di sopra della natura e della volontà umana...."
Secondo voi quanto accaduto nelle nostre gare "era stato predeterminato da leggi al di sopra della natura umana....."?
NO! Questa è la mia opinione!

alla parola "fatale"..

"....che è voluto dal fato; ineluttabile, inevitabile..."
Secondo voi quello che accaduto era ineluttabile o inevitabile....?
NO! Questa è una mia opinione!
Siamo molto bravi, tutti, a trovare le giustificazioni più disparate per gli eventi che ci colpiscono da vicino e avventarci a testa bassa contro quelle garaccie viste in Spagna......

E' ora di finirla con questo buonismo...... Diciamolo ad alta voce.... tutte le nostre gare, chi più chi meno hanno bisogno di attenzione sul versante sicurezza! Possiamo vantare tutte le titolazioni del mondo, avere i migliori rapporti ispettivi, essere la gara più bella, quella più corta, quella più lunga, quella con meno partecipanti, quella con più partecipanti .....
TUTTE devono porre più attenzione alla sicurezza!
Restituiamo il giusto valore alla vita delle persone...... il dolore delle famiglie colpite lo impone, le gare che non hanno un livello di sicurezza oggettiva accettabile non vanno disputate!
Con questo non dico che le gare dove ci sono stati questi incidenti non siano sicure...... OGGETTIVAMENTE però qualcosa non ha funzionato....., ma quando qualcosa non funziona in una gara dove la velocità la fà da padrona...... si rischia di distruggere giovani vite! Spezzare famiglie ....perchè....?

Ciao
Torna all'inizio della Pagina

ghibly

4457 Messaggi

Inviato il 07/06/2008 :  19:55:27  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Pietris;il più delle volte lo sai mi trovi sempre d'accordo con te,ma questa volta alla coppa dei Templi si può parlare di fatalità,e ti spiego:
prima di tutto ci saranno stati 50 spettatori su tutto il percorso ad assistere alle prove,carabinieri e ufficiali di gara a volontà.La Signora era in parco chiuso ad attendere il marito,non vedendolo arrivare,e forse nessuno era a conoscenza che fosse la moglie di un pilota,si è mossa dalla zona di protezione per portarsi vicino alla direzione gara arrivo,per chiedere notizie del marito,preoccupata e forse ansiosa ha pensato di andare a chiedere notizie,il resto è cronaca già scritta.
Pietris,alle fatalità io ci credo.
Torna all'inizio della Pagina

pietris

10718 Messaggi

Inviato il 08/06/2008 :  08:50:40  Guarda il profilo di  Visita il Sito di pietris  Rispondi Citando
ghibly, tu sai che io non amo le polemiche...
Avendo premesso che non ho nulla contro queste gare, che ci siano stai dei problemi....lo dimostra il dolore e la disperazione di parenti ed amici....

Non posso credere che a chiunque venga permesso di stare in zone vietate.....
Anche a Caprino gli spettatori si erano messi in zona vietata....ricordi?
Ragioniamo un attimo...... se quella zona era vietata..., qualcuno aveva stabilito che la zona era pericolosa.....
Se la zona era pericolosa.....qualcuno la doveva presidiare e si doveva assicurare che nessuno potesse "disobbedire".....
Un piccolo esempio.....quanti divieti, sensi unici, limiti di velocità incontri.....? Ci sono migliaia di persone che questi divieti fanno rispettare professionalmente (+o-).....
Io non voglio puntare l'indice contro questa o quella gara......continuerò per sempre a ribadire che dobbiamo fare di più....

Ciao
Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 155 Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
Pagina Precedente | Pagina Successiva
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Vai a:
Vai all'inizio della pagina CronoForum - Il Punto Di Discussione Sulle Cronoscalate - Cronosprint - © Cronosprint
Herniasurgery.it | Superdeejay.net | Snitz Forums 2000