CronoForum - Il Punto Di Discussione Sulle Cronoscalate - Cronosprint
CronoForum - Il Punto Di Discussione Sulle Cronoscalate - Cronosprint
Home | Profilo | Registrati | Discussioni attive | Utenti | Cerca | FAQ
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Dimenticato la tua Password?

 Tutti i forum
 Oggi in Montagna
 Regole e Regolamenti
 SICUREZZA percorsi, ipotesi e suggerimenti
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Pagina Precedente | Pagina Successiva
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva
Pagina: di 155

eurossi

229 Messaggi

Inviato il 25/01/2008 :  17:54:12  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Citazione:
Messaggio di dipsacus

.......cio' me ne dispiace perche proviene da un giornalista......

Non mi risulta che lo sia.
Torna all'inizio della Pagina

ArmaLetale

8303 Messaggi

Inviato il 25/01/2008 :  20:03:09  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
e ke gli faccio io alla virna????

poi sarei antipatico alla sua gatta!!!
Torna all'inizio della Pagina

legal prof

5753 Messaggi

Inviato il 26/01/2008 :  00:45:46  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Al di là di qualsiasi campanilismo, esprimo il mio punto di vista sull'episodio di Erice citato da Anyonello solo perchè ERO PRESENTE e, pur non essendo posizionato lì, ho avuto modo di parlare sia col commissario in servizio nel punto in cui Kramsky si è girato, sia perchè ho visto l'episodio così come ripreso da una telecamera ivi presente.

1) Da qualche anno a questa parte ad Erice hanno operato alcuni commissari francamente inadeguati, mentre buona parte dei commissari locali, tra i migliori in Italia, per beghe con chi dirigeva l'ACI di TP fino allo scorso anno (adesso lo staff è TUTTO NUOVO...), non veniva impegnato, pur trattandossi di gente regolarmente chiamata nelle gare italiane più prestigiose (compresi il Rally mondiale di Sardegna ed i G.P. di F.1 che si disputano in Italia!).

2) Per fortuna un buon numero di questi esperienti e bravissimi commisari hanno ugualmente continuato a lavorare alla Monte Erice ed il capo-posto del penultimo tornante (nel quale si è verificato l'episodio "incriminato") è UNO DI QUESTI, ex navigatore nei rallies e da circa 30 (TRENTA!) ANNI responsabile di postazione.

3) Orbene, da quanto si è anche visto nelle riprese che ho citato, il sig. Kramsky, dopo il testacoda, se ne è sceso contromano, nonostante il suddetto ufficiale di gara e gli altri commissari della zona gli abbiano corso dietro gesticolando e sbandierando forsennatamante, urlandogli di fermarsi: vorrei che mi si spiegasse, cortesemente, CHE C'ENTRA CON LA SICUREZZA DEI PERCORSI l'irresponsabile comportamento di questo pilota, che scendendo si è venuto a ritrovare in controsenso rispetto a Iaquinta che stava salendo... Mi stupisco che una persona estremamente competente e solitamente equilibrata come Antonello non abbia fatto questa semplice constatazione!

4) La pioggia della scorsa, sfortunata 50^ Monte Erice era di un'intensità tale che il tracciato di gara era un vero e proprio torrente, con l'acqua che scendeva copiosamente e non credo che c'entri in alcun modo con Giove pluvio il percorso o l'organizzazione!

5) Ritengo che sia stato un errore far partire la 2^ manche in queste condizioni, ma il direttore di gara (REMO CATTINI, non certo l'ultimo pivello neoarrivato...) ha ritenuto diversamente e tutti sanno che decisioni simili sono di sua esclusiva responsabilità!

6) Sia per le caratteristiche del percorso (uno tra i meno veloci d'Italia), che per la sua protezione con muretti e rails doppi, il tracciato ericino viene considerato unanimemente come uno tra i più sicuri del nostro Paese e questo Antonello lo sa benissimo, avendoci pure gareggiato più di una volta! E d'altra parte, il fatto che non si sia MAI VERIFICATO, almeno finora (e speriamo che sia SEMPRE COSI'!), alcun incidente letale in 50 edizioni di questa gara, nonostante incidenti, ribaltamenti ed uscite varie, spesso molto cruente (a volte con qualche ferita o frattura ai piloti coinvolti), dovuti alla particolare difficoltà e tecnicità del tracciato, penso che lo dimostri più di qualsiasi altra osservazione...

7) Confermo pertanto le mie più totali perplessità sul discorso del titolare di questo splendido forum. Come sicurezza del percorso (titolo del topic...) c'è ben poco da criticare, caro Antonello: al massimo puoi dire che l'organizzazione ha manifestato ultimamente alcune dafaillance, che ci sono stati degli errori soprattutto a causa di alcuni Ufficiali di gara utilizzati negli ultimi anni (ma dal 2008 la musica dovrebbe cambiare!), ma non portarmi Erice come esempio di gara pericolosa o dal percorso poco sicuro; in 50 (quasi 51) anni di vita ho girato un po', ho visto un po' di roba in cassetta, DVD, etc., e ti assicuro che in giro per l'Italia e l'Europa c'è molto, ma molto, ma molto di peggio, anzi credo che proprio le gare da te citate possano considerarsi, oggi, come tra le più sicure in assoluto!
Torna all'inizio della Pagina

dipsacus

3857 Messaggi

Inviato il 26/01/2008 :  09:22:34  Guarda il profilo di  Visita il Sito di dipsacus  Rispondi Citando
I miei amici che vennero a vedere la Erice lo scorso anno mi hanno confermato tutti gli aspetti che tu riporti caro Legal.
Ma soprattutto gioca a favore di Erice la bassa velocita' media.
Insomma non so proprio come si possa impostare un discorso sulla sicurezza sparando cosi' a casaccio come ha fatto Antonello....

Piuttosto sono TOTALMENTE d'accordo con quanto dice Pit stop circa il discorso radio (ovvero che i commissari non sono direttamente collegati con la direzione gara ma passano da altri radioamatori..).
Ebbene, nel 2008, con i livelli tecnici raggiunti, questa cosa mi sembra veramente assurda oltreche' pericolosa!!
Hai voglia ad avere professionalita' se poi tutto si decide in una sorta di gioco del "telefono senza fili"!!
Torna all'inizio della Pagina

fiat128coupè

2248 Messaggi

Inviato il 26/01/2008 :  19:00:24  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Non voglio alimentare polemiche ma, su Erice, riporto solo le stesse conderazioni postate sull'apposito topic dopo la gara:

".....Grosso neo del percorso, a mio parere, la sicurezza in caso di incidente sui tratti veloci con un formula od un prototipo a causa di alcun muretti che sono troppo bassi e che hanno lo spazio interno di collegamento vuoto. Una vettura di 500/600 kg. che tocca ad oltre 160/170 km. orari può innescare un movimento che, se inizia contro la montagna, la porta ad avvitare ed urtare con le ruote sollevate il lato opposto della carreggiata che, in questo caso, è costituito da muretti che , in almeno tre punti pericolosi, non superano i 60 cm. di altezza. Questo significa che se la vettura, per qualsiasi motivo, supera il muretto il pilota non ha scampo...
Questa è anche la prima considerazione che mi ha fatto Ander Vilarino e che mi è stata ripetuta da Lionel Regal. Ho visto che in alcuni punti gli spazi sono già stati riempiti e che alcuni muretti sono stati rialzati e che, quindi, il problema è già stato individuato e che si proseguirà su questa strada.
Per quanto riguarda i commissari posso solo fare poche considerazioni. La prima è che li ho visti molto corretti perchè si posizionavano sulle postazioni già a partire dal primissimo mattino e questo è molto positivo. Devo invece riprenderli per quanto riguarda la discesa in staffetta dopo la seconda salita di prova quando ho visto che ostruivano la sede stradale cercando di far uscire le macchine dai parcheggi di fortuna a fianco del percorso creando disagi a chi, come noi e le CN, che scendono a motore spento. Su questo punto debbo però notare che ho visto anche macchine dell'organizzazione che risalivano in senso contrario e questo è molto più grave....
Tornando ai commissari ho trovato puntuali le segnalazioni sia per olio che durante la pioggia nella seconda salita di prova anche se erano forse troppo invasivi nella segnalazione della pioggia che aveva bagnato il fondo stradale ma, sono d'accordo, che in questi casi è meglio abbondare che deficere...
Quanto successo a Kramsky non è un problema di commissari ma di Direzione di Gara. Nessun commissario, neppure il capo-postazione può consentire ad una vettura di percorrere il percorso nel senso opposto alla gara, se non dietro espressa autorizzazione del direttore di gara. Questo vale anche se la gara è interrotta quindi pensate un po a gara in corso.
Io non ho nessun resoconto diretto per cui posso solo presumere che Kramsky si è girato, non riusciva a fare manovra ed ha pensato, senza tenere in alcun conto le indicazioni dei commissari, di fare alcuni metri in discesa per girare la vettura dove trovava lo spazio sufficiente. Purtroppo questo è avvenuto solo dopo parecchie centinaia di metri e quindi si è creato il pericolo dell'"incrocio" con Iaquinta che saliva. Sicuramente il capo-postazione ha segnalato quanto accaduto alla Direzione di Gara che prenderà i necessari provvedimenti....."


Come tutti sanno nessun provvvedimento nei confronti di Kramsky è stato preso e, quindi, sono stato clamorosamente smentito e forse l'amico Legal Prof, che ben conosce l'ambiente ericino, saprà dirmi qualcosa di più.

Sulla sicurezza, in questo caso specifico, mi trovo d'accordo sulle perplessità di Anyonello mentre per le altre gare non ho conoscenze specifiche per dare un giudizio.
Caro Legal, credo che la pericolosità dei percorsi sia uno dei fatti più soggettivi che esistano e quindi accetto il tuo convincimento sulla sicurezza del percorso di Erice pur non essendo d'accordo ma solo per una personalissima opinione che mi sono fatta lo scorso anno. Io spero solo che si completino i lavori iniziati sul rialzo ed il riempimento dei muretti e sarò prontissimo a cambiare la mia opinione.

Sul numero dei partecianti sposo in pieno il discorso di Pit Stop e credo che sia il caso di mettere la parola fine alle deroghe.

Ciao a tutti.

Modificato da - fiat128coupè il 26/01/2008 19:02:52
Torna all'inizio della Pagina

legal prof

5753 Messaggi

Inviato il 26/01/2008 :  23:02:47  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Caro Fausto, sei stato così esauriente che non ho alcunchè da aggiungere alla tua disamina: in effetti il discorso sicurezza è soggettivo ed il tuo specifico riferimento alle vetture di formula ed ai muretti troppo bassi in un paio di punti non può che essere condivisibile, nei limiti, appunto, della soggettività da te giustamentre rilevata. Comunque già lo scorso anno buona parte di tali muretti, come hai giustamente scritto, sono stati elevati e si auspica che quest'anno vengano alzati ulteriormente in quei due-tre punti ove appare opportuno provvedervi...
Quanto all'episodio Kramsky, posso garantirti che il Capoposto mi ha detto di aver fatto regolare rapporto alla Direzione gara che, come ben sai, era affidata al tutt'altro che locale ed inesperto dr. Remo Cattini, sicchè se dopo tale incredibile fatto (Kramsky ha percorso contromano almeno 500 metri!) non è accaduto nulla in termini di sanzioni disciplinari, francamente non so spiegarmi proprio perchè...
Scusandomi per l'off topic, concludo esprimendo il mio rammarico per la tua scelta di non fare neanche quest'anno il CIVM; per te è stata certamente la decisione più opportuna, per noi spettatori del campionato nazionale si tratta invece dell'ennesima delusione...
Torna all'inizio della Pagina

CALIBRA16V

34265 Messaggi

Inviato il 27/01/2008 :  11:02:05  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
...ma,in fondo,prevedibile !
Torna all'inizio della Pagina

Heart Break Kid

6284 Messaggi

Inviato il 27/01/2008 :  11:30:39  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Non è stato preso nessun provvedimento perchè era Kramsky, se fossi stato io o un altro pilota della domenica ci avrebbero tolto la licenza e fatto anche un'ammenda.
Torna all'inizio della Pagina

fiat128coupè

2248 Messaggi

Inviato il 27/01/2008 :  15:41:50  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Caro legal prof, con il consueto garbo sai rendere tranquilla anche la più accesa delle discussioni
Su Kramsky siamo in piena sintonia, e non mi pare siamo i soli.

Per il tuo rammarcio sulla mia mancata presenza al CIVM 2008 sono dispiaciuto ma anche lusingato di avere un tifoso tanto competente che mi segue dall'altro capo dell'Italia e cercherò di fare del mio meglio per ripagarti con il mio impegno.


Torna all'inizio della Pagina

intenda

1845 Messaggi

Inviato il 28/01/2008 :  23:24:33  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Mah, non credo ci sia niente di male se ognuno dice la sua su questo come su altri forum..d'altra parte sono...aperti al pubblico 24 ore su 24, con tutto quello che ne consegue Da "bannare" sono solo le frasi offensive o deliberatamente provocatorie. In questo caso evidentemente l'Amministratore ha temporaneamente (speriamo) lasciato il suo ruolo da "super partes" entrando nel ginepraio della sicurezza..a suo rischio..e pericolo!
Fa bene invece l'amico Pietris a battere continuamente il tasto della sicurezza a livello generale. E' cosa buona e giusta e non posso che approvare.
Ma continuo a pensare che a giudicare la pericolosità di un percorso piuttosto che dell'altro non possano essere né gli organizzatori, né gli spettatori, né tantomeno i forumisti, dei quali la stragrande maggioranza il più delle volte neanche presenti alle gare a cui si fa riferimento.
Esiste una apposita Commissione che, preventivamente, rilascia il nulla osta allo svolgimento della gara,come esiste una successiva pagella dettagliata, seppur resa nota con inspiegabile () ritardo. Quello che manca semmai è una Commissione Piloti che valuti i percorsi, dia indicazioni e - all'occorrenza - si rifiuti persino di partire qualora reputi che le condizioni minime di sicurezza non siano state rispettate.
Le critiche costruttive, quando sono specifiche, dettagliate e particolareggiate, ben vengano...ma vedo che purtroppo ciò accade di rado
E' triste notare che ogni tanto spunta il nome di questa o quella gara, ritenuta più sicura o più pericolosa.
Tuttavia, nel mio seppur limitato - nel senso temporale, non certo dei chilometri percorsi - peregrinare per gran parte delle salite d'Italia ho visto abbastanza per poter dire che NON ESISTONO CRONOSCALATE SICURE. Né a nord né a sud. Né quelle brevi né quelle lunghe. Né quelle più ricche né quelle più povere. Né quelle con tanti iscritti né quelle con pochi. Nè di moderne né di storiche.
Ovunque ci sono carenze, a partire dall'asfalto viscido, dalla cronica presenza di rail a lama singola su tratti ritenuti "sicuri", alla inevitabile disposizione di svariati commissari di percorso totalmente impreparati e inadeguati. Quadro pessimistico? Neanche per idea.
Per fortuna non siamo in pista (e neanche ci vogliamo andare); gli impianti non sono permanenti e i soldi non sono quelli del Principato di Monaco con la F1. Quindi credo che tutto sia decisamente perfettibile, ma anche sostanzialmente ACCETTABILE.
E non mi è sembrato di vedere un regresso nel fattore sicurezza nelle varie gare da un anno all'altro. Il rischio semmai è che le potenze e le prestazioni delle vetture corrano ben più velocemente delle umane possibilità di adattamento di quelle che - non dimentichiamocelo mai - sono strade di tutti i giorni..
Sono appena tornato dalla fantastica avventura del Rallye di Montecarlo, dove le WRC, vetture che potenzialmente avrebbero le stesse prestazioni dei Gruppi B, sono flangiate in modo da averne solo la metà di quei cavalli che ne decretarono la fine.
Ciononostante lo spettacolo di certo non manca..
Credo che questa sarebbe la strada da seguire, più che pretendere allestimenti impossibili ed improbabili.
Semplicemente, tra gli organizzatori dovrebbe prevalere il buon senso e la coscienza dei loro limiti.
Tra i costruttori pure. Tra chi fa i regolamenti pure.
E tra i piloti pure.
Non aggiungerei altro...
Chi ha orecchie per intendere...intenda.



Modificato da - intenda il 29/01/2008 00:50:20
Torna all'inizio della Pagina

pietris

10718 Messaggi

Inviato il 29/01/2008 :  09:22:47  Guarda il profilo di  Visita il Sito di pietris  Rispondi Citando
..... e non poteva essere che così.
Ora riconosco lo spirito battagliero e allo stesso tempo pronto al dialogo, la determinazione delle proprie azioni e la voglia di migliorare, che ha da sempre contraddistinto il gruppo degli amici dello Spino.
Nelle parole dell'amico intenda riconosco tutte le mie preoccupazioni in merito alla sicurezza.
L'escalation delle potenze, e non parlo delle sole Formula o Cn libere, francamente dovrebbe preoccupare tutti. Secondo me siamo arrivati al limite......
L'esempio di intenda è stato lampante....... Le gruppo B dai rally furono bandite, a ragione aggiungo io, perchè si dimostrarono insicure sul campo, ma non perchè le auto stesse erano carenti da quel punto di vista....., solo perchè l'accoppiata auto/percorso produceva qualcosa di "ingestibile".
Quelle stesse vetture Gruppo B, modificate ed esasperate ora le ritroviamo regolarmente in salita......
Se queste vetture sono oggi sicure, cosa è cambiato allora nei percorsi? Vi anticipo la vostra risposta, che io non condivido, le salite sono più sicure dei rally.
Insomma, il mio discorso, che parte dalla sicurezza dei percorsi vuole, spingere ad un ragionamento....... L'escalation delle potenze ha riscontro nella sicurezza dei percorsi? Se come penso io no, per l'impossibilità oggettiva di adeguare minime misure di sicurezza passiva per questi mostri su 4 ruote, cosa fare?
L'esame dei percorsi dovrebbe, a mio avviso, essere compiuto sempre dalla stessa commissione....., con gli stessi criteri, e con giuste imposizioni.
Esame compiuto in tempi ragionevoli (3-4) mesi prima della gara e quindi con prescrizioni da assolvere in tempi "certi".
Numero partenti limitato dallo stato di sicurezza della pista....
Commissari semi professionisti....., ed in numero adeguato alla lunghezza della pista. Staff di D.g. che rappresenti uno standard qualitativo per tutti i campionati, altrimenti non si capisce perchè in alcune gare si eccede, per esempio, con le bandiere rosse.
Un regolamento tecnico/sportivo stabile per almeno 5/8 anni che possa garantire interventi, per la messa in sicurezza delle auto, e che allo stesso tempo dia "respiro" alle tasche, non sempre colme, dei piloti.
Un giusto intervento regolamentare, ma non essendo un tecnico non chiedetemi come, sulle potenze esasperate, che non dimentichiamo sono anche fonte di "spese folli" per i piloti.
Anche gli organizzatori dovrebbero fare, nel limite dei budget qualcosa, limitare le spese di rappresentanza ed investire magari su qualche commissario in più.

Ciao
Torna all'inizio della Pagina

Anyonello

1570 Messaggi

Inviato il 29/01/2008 :  10:29:40  Guarda il profilo di  Visita il Sito di Anyonello  Rispondi Citando
"In questo caso evidentemente l'Amministratore ha temporaneamente (speriamo) lasciato il suo ruolo da "super partes" entrando nel ginepraio della sicurezza..a suo rischio..e pericolo!"
non proprio, caro Intenda, il ruolo di Amministratore, che si sforza ad essere super partes e mira al buon andamento delle discussioni, non va confuso con gli interventi di Anyonello che invece ha gli stessi diritti di tutti i cronoforumisti di esprimere le proprie idee.

A parte questo, ribadisco che il fattore più importante dove dirigere gli sforzi per migliorare la sicurezza, sia quello di rafforzare la presenza qualificata dei "Commissari di Percorso" e addetti alla sicurezza. Non a caso anche la regolamentazione da molto importanza a questo aspetto e prevede precisi obblighi al fine di avere l'intero percorso sotto controllo, con postazioni di commissari a tre o quattrocento metri fra loro, collegamenti radio efficaci con la direzione, l'uso tempestivo delle segnalazioni con apposite bandiere, un accurato piano sanitario, e servizi di pronto intervento.
Tra tutti i rischi connessi nell'affrontare una gara, ai piloti (ma anche al pubblico) deve essere assicurata una costante attenzione sia in caso sia esso vittima di incidente, e sia nel caso che siano mutate le condizioni del tracciato a causa di altri incidenti, scarsa aderenza etc etc.
Quello che si registra negli ultimi anni è una maggiore attenzione, senza dubbio positiva, verso "l'allestimento del percorso", quella che chiamo parte strutturale, mentre sul versante delle "risorse umane" non si può dire altrettanto. E se i tanti video trasmessi, o quelli che girano in rete (date un'occhiata su youtube)sono stati presi ad esempio, sono sempre più le lamentele dei piloti sulle scarse o errate segnalazioni, inefficienza o tardivi soccorsi, partenze troppo ravvicinate e ....chi più ne ha più ne metta ...
Tutte cose di estrema carenza di sicurezza.
-----------
parafrasando la tua firma: Chi ha orecchie per intendere...intenda, gli altri continueranno a farlo in albergo....
Torna all'inizio della Pagina

intenda

1845 Messaggi

Inviato il 29/01/2008 :  14:22:30  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
In effetti forse la mia associazione Anyonello/Amministratore è stata automatica e non del tutto appropriata. Anche se, per utilizzare il linguaggio politico, "si può ravvisare un certo conflitto di interessi con il ruolo istituzionale ricoperto..."

Quanto alla parafrasi, non prenderti i diritti perché era presente nella mia firma già da mio primo messaggio su questo forum...è sparita, ora che ci penso, in questa nuova versione del software, che mi pare di capire non la preveda più..

Modificato da - intenda il 29/01/2008 14:27:09
Torna all'inizio della Pagina

CALIBRA16V

34265 Messaggi

Inviato il 05/02/2008 :  18:12:36  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Come anticipato dall' ottimo Charlie,SAM dedica addirittura l' editoriale,a firma Franco Ngnes,sul problema sicurezza nelle cronoscalate 2008:a mio parere un discorso + che sensato...
Torna all'inizio della Pagina

pietris

10718 Messaggi

Inviato il 12/03/2008 :  18:03:17  Guarda il profilo di  Visita il Sito di pietris  Rispondi Citando
Piccolo up ad uso e consumo di paolo63...

Ciao
Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 155 Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
Pagina Precedente | Pagina Successiva
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Vai a:
Vai all'inizio della pagina CronoForum - Il Punto Di Discussione Sulle Cronoscalate - Cronosprint - © Cronosprint
Herniasurgery.it | Superdeejay.net | Snitz Forums 2000