CronoForum - Il Punto Di Discussione Sulle Cronoscalate - Cronosprint
CronoForum - Il Punto Di Discussione Sulle Cronoscalate - Cronosprint
Home | Profilo | Registrati | Discussioni attive | Utenti | Cerca | FAQ
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Dimenticato la tua Password?

 Tutti i forum
 Oggi in Montagna
 Regole e Regolamenti
 SICUREZZA percorsi, ipotesi e suggerimenti
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Pagina Precedente | Pagina Successiva
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva
Pagina: di 155

I MITICI

1343 Messaggi

Inviato il 19/10/2007 :  11:54:17  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
ho letto attentamente tutti gli interventi di questa discussione perchè il mio parere va un pò contro tendenza. vi prego...non inc...i e solo il mio umile pensiero di appassionato. la discussione si chiama "sicurezza percorsi" ed ho letto per lo più nei vostri interventi solo discorsi sulla "sicurezza auto"...certo sono due cose che se sapientemente unite hanno un risultato alla quale tutti siamo legati. eppure, io dico che in italia siamo un pochino fuori strada. mi spiego:
secondo me si deve fare di tutto affinchè i tracciati abbiano rail dalla partenza all'arrivo del tipo a tre lame nei punti più pericolosi.
il pubblico deve stare a distanza di sicurezza.
i capo posto devono essere tesserati nonchè ultrapreparati in quanto occhi del direttore di gara nonchè eventuali primi soccorritori.
questi sono i tre punti fondamentali sulla sicurezza.

detto questo io non sono daccordo con chi parla delle limitazioni a qualsiasi livello delle "auto da corsa". un'auto da corsa nasce per andare forte, stà al pilota accelerare o meno ed è sempre questo che ha fatto la differenza nelle gare. già perchè è di gare che stiamo parlando. chi non se la sente di portare al traguardo una vettura sport sflangiata non la guidasse. nulla di cui vergognarsi! ma attenzione, se c'è chi se la sente perchè rompergli le scatole? in italia abbiamo discusso moltissimo del duello f3000/sport anche per la sicurezza delle due vetture; ma guardate che, per esempio in austria, ha corso un formula con 700 hp ed ha fatto un bel tempone ( la gara era st. aghata l'anno mi pare il 2003) e per me che sono un semplice spettatore quel motore li è musica! tra l'altro non ho visto nessun cecchino tenere sotto tiro il pilota di quel formula per costringerlo a partire a tutti i costi! semplicemente...voleva correre così! perchè impedirglielo? l'importante è che la vettura sia in fiches e con il crash test! poi un'altra domanda: nel 2000 quando sono successi i fatti che tutti conosciamo non solo si è deciso di depotenziare le vetture ma anche di: ridurre le ali, eliminare le termocoperte, alzare la vettura...SIAMO SICURI CHE CON LA SICUREZZA QUESTE TRE COSE CENTRINO QUALCOSA? O INCREMENTANO DI BRUTTO L'EQUILIBRIO DELLA VETTURA IN SENSO NEGATIVO?

in conclusione: percorsi al top - macchine al top...ma libere di correre.

i mitici
Torna all'inizio della Pagina

Mikcama

612 Messaggi

Inviato il 19/10/2007 :  13:39:28  Guarda il profilo di  Visita il Sito di Mikcama  Rispondi Citando
Io sono completamente daccordo che la sicurezza dei percorsi è fondamentale. E che c'è molto lavoro da fare in questo senso.

Ma il discorso, peraltro sentito più volte, che nessuno ci pobbliga e correre su macchine che vanno forte non ha senso, secondo me.

Se si ragiona così non miglioriamo nulla della nostra specialità.

Perchè se si guarda bene nessuno ci obbliga con il fucile a correre in percorsi poco sicuri. Abbiamo tutti la libertà di smettere se non li riteniamo idonei..

E il fatto che certe vetture con rapporto peso/potenza notevole non siano idonee per la salita non va solo a scapito di quelli che vanno piano, ma anche dei professionisti. Se una cosa è pericolosa, è pericolosa per tutti.

Mi dispiace I MITICI, ma se per far contento il pubblico che vuole veder passare macchine con 700cv,si deve rischiare la vita di qualcuno, siamo veramente all'assurdo. Chi vuole vedere macchine con quelle potenze potrebbe andare in pista, dove le vie di fuga sono adeguate a tali bolidi.

In fondo se si ragiona così preferirei anch'io che non avessero mai tolto dai Rally i gruppi B... Che non avessero messo la flangia ai gruppi A turbo... Ma se questo è servito a salvare vite umane oltre che a dare un futuro alla specialità mi va benissimo.

Potremmo magari pensare di rallentare un pò gli F3000 e mettere delle chicane dove possono correre tali auto, per evitare velocità di punta stratosferiche. Ma tutto ciò non per farlo andare come un CN2!! E' chiaro che un Formula 3000 va e deve andare di più di un CN..
Io non ne faccio una questione sportiva. Io sto ragionando esclusivamente in nome della sicurezza. Se poi sbaglio correggetemi.
Torna all'inizio della Pagina

I MITICI

1343 Messaggi

Inviato il 19/10/2007 :  14:52:33  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
per mikcama: intanto sappi che per me è un piacere scambiare opinioni con te, solitamente ti osservo da una collinetta magari all'ombra sfrecciare con una bella sport tornando al punto, sembrerà strano, ma vogliamo tutti e due la stessa cosa! cioè percorsi sicuri ed auto sicure! giusto? chi dice, per esempio, che la vettura formula di cui ho parlato prima non lo sia? sicuramente tu, come altri immagino, dirai che è la velocità di quell'auto ad essere un problema. ma non stavamo parlando di corse? si invitano ormai da anni auto con piloti stranieri che hanno più di 600 cv (plasa) e non solo mi sembra sicurissima, ma nei punti veloci dei tracciati è sempre più rapida delle sport e di qualche formula! flangiamo il bmw judd di plasa? SCHERZIAMO? in realtà la flangiatura naturale esiste ed è dentro ognuno di noi e si chiama paura! solo che io ho paura a 200 metri dal tornante, tu che sei un pilota a soli 20 metri. guarda sono stato a mickhausen settimana scorsa e nel tratto con rilevamento velocità meisel è transitato a 218 mentre nella sua stessa categoria una astra dtm nera (non brenner, la sua è rossa) ,di cui non ricordo il nome del pilota, è passata a 175! penso che la "flangiatura" sia evidente. ora se ti aggiungo che meisel mi ha detto che per il prossimo anno sa già cosa modificare per togliere peso alla vettura si deduce che potrebbe transitare anche a 220 (soli 2 km/h in più) ma che faranno assolutamente la differenza! lui se la sente tutto qua. oppure che dire di regal! due settimane prima vilarino sbatte si fa male e decide di ritirarsi! lui si iscrive a mickhausen (percorso pericolosissimo, ecco dove siamo daccordo) e fa il nuovo record nella seconda manche! regal è un pazzo? un incoscente? non me la sento di pensarlo, a me sembra un pilota di f3000 contento di correre con quella macchina

ripeto è solo il mio pensiero, non voglio mancare di rispetto a nessuno
Torna all'inizio della Pagina

dipsacus

3857 Messaggi

Inviato il 19/10/2007 :  17:10:56  Guarda il profilo di  Visita il Sito di dipsacus  Rispondi Citando
Da spettatore appassionato mi sento di dar in gran parte ragione a I MITICI, ogni pilota deve essere innanzitutto cosciente dei suoi limiti e purtroppo questo non e' sempre cosi'.
Un pazzo uccide la gente per la strada anche con una panda, tanto per dire che non sono le auto che fanno il pilota ma il contrario.
Io credo che , sempre, le formula di recente generazione abbiano una cellula di sicurezza sicuramente moolto piu' sicura dei prototipi, oltre ad una forma affusolata che impedisce schianti frontali cosa che la "pala" davanti ad ogni CN non impedisce.
Ma sulle differenze Formula Prototipi c'e' altro topic sicuramente piu' corretto e coerente.
Sulla sicurezza invece una cosa che credo sarebbe da fare SUBITO e' la miglior preparazione dei commissari, migliore rispetto all'attuale situazione.
Ma credo che su questo tutti si sia d'accordo.
Peraltro un aspetto che non condivido, detto da qualcuno che non ricordo, e' il fatto di considerare i commissari di percorso malpagati.
Non mi sembra questo il problema. I commissari dovrebbero anzi devono essere volontari appassionati di corse che, fra l'altro, possono godere di rimborsi spese piccoli o grandi che siano.
Ma non possono pretendere di piu'!
Io ad esempio suono in banda , spesso dobbiamo fare le prove, spesso siamo impegnati in processioni, concerti ecc. ecc.
Ma lo facciamo tutti quanti "a gratis", e si potrebbero fare decine di esempi, compreso quello di molti miei amici impegnati periodicamente e gratuitamente nella "Misericordia".
Ecco, i commissari sono gia' da questo lato privilegiati avendo comunque garantito un rimborso, oltre che a vitto ed ingresso alla manifestazione.
Il problema e' la loro preparazione spesso anche sotto il profilo psicologico. Purtroppo infatti spesso troviamo gente che si crede "dio in terra" oppure ci troviamo di fronte gente distratta,approssimativa, svogliata, spesso lamentarsi dei pochi soldi (!!) ecc. ecc.
Partiamo dai commissari e gia' un buon 30/40 per cento di problemi della sicurezza saranno risolti.....

Modificato da - dipsacus il 19/10/2007 17:14:13
Torna all'inizio della Pagina

Ronnie72

1698 Messaggi

Inviato il 19/10/2007 :  17:13:37  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Ho letto con molto interesse gli ultimi interventi.
Condivido l’intervento di “CHICO”, corrisponde alla mia linea di pensiero.

Ho visto la trasmissione a cui si riferisce “hillclimb”, ritengo il “salva vita” descritto improponibile x l’automobilismo agonistico, il rimedio rischierebbe di essere peggiore del danno, nell’off-shore il pilota viene catapultato in aria x poi atterrare in acqua,.... in montagna certam.te non è la stessa cosa, al max si potrebbe sperare in qualche laghetto , ma siamo + che altro nel campo della fantascienza ... o dell’umorismo ,... anche se non c’è molto da ridere , lo riconosco.

“ I MITICI” afferma che ha letto con molto interesse gli interventi precedenti, ebbene, tra i tanti, mi sembra che in quelli di “hillclimb” c’è la risposta a quanto egli sostiene.
Uno è padronissimo di fare ciò che vuole, nel caso in cui gli venga concesso di farlo, ma rimane il fatto che eventuali eventi spiacevoli si ripercuoterebbero in tutto l’ambiente , con conseguenze il cui epilogo è facilmente prevedibile.
“ I MITICI” ti sei mai chiesto che fine hanno fatto le Gare su strada tipo la Targa Florio? E la 1000 Miglia (ne venne decretata la fine proprio dopo un evento luttuoso), ti sei mai chiesto come mai la stessa F.1 dopo aver deturpato i vecchi circuiti, e avendone creato di nuovi (orribili) , e non bastando ha ridotto la cc da 3000 a 2400 ?? tutto questo con il risultato che i Gp sono inguardabili certo, ma l’ultimo decesso risale a 13 anni fa, e qui tra alberi, scarpate, muretti, terrapieni e rocce varie si fa finta di nulla osannando l’escalations di potenza e prestazioni .
Caro “I MITICI”, quando affermi che “... se c'è chi se la sente perchè rompergli le scatole?” non sono d’accordo, sarebbe il movimento stesso a rimetterci, con il rischio di vederne decretata la fine , oltre naturalm.te ai poveri malcapitati del momento ... molto meglio pensarci prima, non credi .
Io abito nel N/E , e purtroppo ricordo bene i tristi fatti del 2000, (a Pedavena tra l’altro c’ero), ricordo come fosse ieri le bordate accusatorie lanciate dalla stampa regionale nel confronto delle “Salite”, ricordo che qualcuno (giornalisti pro salite, non verdi...) si chiese se non fosse il caso di riservare tali competizioni esclusivam.te alle vetture Turismo, .. quei tragici eventi furono lo stimolo x dare il via ad una fase nuova che portò negli anni a un concreto ridimensionamento delle prestazioni, senza peraltro avvilirne il contenuto tecnico e sportivo, personalm.te sono molto preoccupato dell’inversione di tendenza che si intravede all’orizzonte .

Condivido pure la linea di “Mikcama”, un addetto ai lavori giustamente preoccupato ... ma le chicanes caro “Mikcama”, quelle No .... x favore No, quelle si che snaturerebbero la specialità ,x me è molto meglio qualche Cv in meno .
Torna all'inizio della Pagina

dipsacus

3857 Messaggi

Inviato il 19/10/2007 :  17:25:38  Guarda il profilo di  Visita il Sito di dipsacus  Rispondi Citando
Caro Ronnie 72, abbiamo postato un intervento assieme..!!
Ti leggo poco dopo il mio intervento e mi trovo a replicare dicendoti che, nonostante tutte queste riduzioni di CV mi pare che tutti i record , dal 2000 in poi, siano stati via via tutti quanti abbattuti, a riprova che le prestazioni delle auto sono sempre in miglioramento, e' il progresso. Come del resto accade anche in F1 o nel Moto GP nonostante continue limitazioni tutte volte a diminuire le velocita' e poi, l'anno successivo, tutti i record sono fatti fuori......
Quindi i CV sono un falso problema e puntare a limitarli a questo o a quello e' per me visto, perlomeno nelle salite, con l'intento di limitare le prestazioni di questo o quel pilota a seconda del tipo di auto scelto e/o degli investimenti fatti.
Gli incidenti mortali nelle salite non sono certo diminuiti perche' non si usano piu' balle di paglia, o perche' c'e' qualche doppia lama in piu'. Sono diminuiti soprattutto perche' sono nettamente migliorate le condizioni di sicurezza di tutte le auto, di tutti i gruppi , di tutte le categorie.
Nn mi si venga a dire che ad esempio una Osella PA3 (tipo quella di Peroni, che per inciso fa tempi che regolarmente lo piazzerebbero fra i primi 15 della rispettiva gara moderne) abbia le stesse caratteristiche costruttive e di sicurezza delle attuali PA21 e co.....
Cosi' come le formula 3000, checche' se ne dica, hanno una cellula di sopravvivenza enormemente piu' sicura di quella delle sport (senno' incidenti alla Berguerand o Vilarino sarebbero finiti come tu sai...).
A riprova di quello che dico ricordo che anche quest'anno, l'unico evento tragico avvenuto (un gran pilota ma soprattutto una gran persona che ricordo ancora una volta) si e' verificato con un'auto storica.
Ritorno allora a quello che a mio parere e' fattibile quindi: come ho detto prima, maggiore preparazione e sensibilizzazione dei commissari, magari da usare anche in numero maggiore all'attuale - che non ricapiti che due postazioni non siano in vista l'una con l'altra - ma sensibilizzazione anche ai piloti (un vero e proprio outing) che, non lo dimentichiamo, tengono LORO il piede nell'accelleratore.
Come ho detto prima, se un pazzo alla guida di una panda 900 tiene il pedale giu' e si schianta su un muro o mette giu' il ciclista di turno non e' certo colpa della potenza delle auto.....
Non ero a Cividale ma chi c'era mi ha raccontato che, nonostante fosse chiaro che l'asfalto era freddo e le gomme non andavano in temperatura, molti baldi piloti se ne sono fregati,hanno preteso troppo da se' e dal mezzo ed hanno picchiato terribili botte (senza conseguenze soprattutto per la qualita' delle auto moderne..)
Ma la testa? Cosa gli diceva la testa?
In piu' , come ha raccontato Cry in altro topic sulla gara, i commissari hanno fatto delle belle frittate per fortuna senza conseguenze!
ed allora si torna all'inizio: partiamo dai commissari (preparazione e sensibilizzazione) e dai piloti (preparazione tecnica, psicologica e culturale).
Gia' si sarebbe fatto molto, quasi tutto.

Modificato da - dipsacus il 19/10/2007 17:34:40
Torna all'inizio della Pagina

pietris

10718 Messaggi

Inviato il 19/10/2007 :  18:11:09  Guarda il profilo di  Visita il Sito di pietris  Rispondi Citando
Comincio a preoccuparmi..... seriamente.....
Che il mio Italiano sia poco leggibile.....?
Il topic dovrebbe parlare di sicurezza dei circuiti e non diventare un mezzo per accreditare le sport o le formula......
Forse sarò noioso e ripetitivo, ma ogni tanto torno in tema....... La mia principale preoccupazione NON è quale macchina è più sicura, ma come fare a rendere i percorsi attuali idonei ad una svariata moltitudine di auto......
Non ditemi che non ricordate che gli eventi luttuosi purtroppo colpiscono anche le auto storiche.....
La tentazione è grande lo sò........, ma ogni auto dovrebbe correre in uno standard di sicurezza buono......
Probabilmente se la questione percorsi si riduce ad una diatriba formula si o no, oppure a Cn attuali o libere...... qualcuno non si rende conto dei regolamenti......
Il regolamento prevede la partecipazione di formula e cn libere, ora come la mettiamo con i percorsi..........?

Ciao
Torna all'inizio della Pagina

mau-2

85 Messaggi

Inviato il 20/10/2007 :  03:07:23  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Ciao a tutti,dopo tanto riscrivo qualcosa, su un argomento che mi stà molto a cuore. Naturalmente questo è stato un anno da ricordare, il ritorno delle Formule in salita.
Condivido a pieno la preoccupazione dell'amico Pietris, con le sport portate al limite pur di stare davanti alle Formule, quest'anno abbiamo assistito ad uscite di strada per fortuna senza conseguenze e ripeto senza conseguenze,però qualcosa si deve fare, la cosa che non cambierei è quella di far correre le formule solo nelle gare di titolazione CIVM-CEM-FIA, poi la federazione si dovrebbe decidere una volta per tutte di istituire una commissione di sicurezza dei percorsi, formata da piloti che alcune settimane prima visionino il percorso, sono loro che corrono e che rischiano la vita.
Poi all'inizio dell'anno quando le gare vengono iscritte a calendario, gli organizzatori devono presentare insieme all'iscrizione l'elenco dei lavori (asfalto, guard-rail,modifiche etc)che intendono fare per la sicurezza in quella edizione.
Ed ancora poi....
chi scrive è un ex, prima segnalatore, poi commissario di percorso ed infine commissario sportivo,
Io penso che gli organizzatori insieme agli organi direttivi provinciali si debbano far carico di organizzare riunioni dove rinfrescare le nozioni basilari, magari con esercitazioni sul percorso, e come comportarsi con gli spettatori e con i piloti.
In questi anni tra corse che sono andato a vedere e filmati in genere ne ho visto delle belle, e tengo a precisare che non faccio di tutto un'erba un fascio.

Per finire un saluto a fiat128,rudy,calibra,ghibli,legale,ascoli,gobbo,giocu,raf,pietris e a tutti voi.


Torna all'inizio della Pagina

Charlie

2428 Messaggi

Inviato il 20/10/2007 :  07:50:45  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
in pratica,
caro mau-2 (ri-benvenuto allora )
+ serietà,professionalità e responsabilità.
completamente d'accordo con te.

Charlie
Torna all'inizio della Pagina

totò

268 Messaggi

Inviato il 20/10/2007 :  12:27:23  Guarda il profilo di  Visita il Sito di totò  Rispondi Citando
concordo pienamente con mau-2..
ma sbaglio o una volta esisteva una specie di commissione per la sicurezza?ad esempio mio padre(ex pilota di prototipi)era stato nominato per visionare alcuni percorsi in calabria facendo una descrizione precisa del tipo di tracciato segnalando i punti pericolosi,dove dovevano essere installati i rail doppi o tripli..insomma tutto ciò che riguarda la sicurezza..tutto il resoconto veniva poi dato agli organizzatori!
e poi ad ogni gara esiste un piano di sicurezza..che deve essere rispettato!
d'accordo con dipsacus per quanto riguarda i commissari di percorso..io ritengo che oggi sia troppo facile diventare commissario di percorso,mettendo in secondo piano l'importanza che hanno loro in una gara,la buona riuscita di una gara dipende anche da loro..e non sono assolutamente malpagati!
bisogna migliorare la sicurezza del percorso prima di tutto..gli organizzatori devono investire sulla sicurezza del percorso,anche se ci vorrà qualche anno..io vi invito a vedere 2 percorsi che abbiamo qui in calabria(reventino e luzzi)dove gli organizzatori con ore e ore di lavoro e con grandi sacrifici hanno reso il percorso come montecarlo in F1..con un lavoro certosino,migliorando di anno in anno..una volta fatto ciò si può pensare ad investire soldi(se ce ne stanno)a tante altre grandi o piccole cose per lo spettacolo..prima il dovere poi il piacere!
come dice charlie piu serietà,professionalità e responsabilità..
Torna all'inizio della Pagina

CALIBRA16V

34265 Messaggi

Inviato il 20/10/2007 :  16:17:10  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
L'intervento di "esordio-bis", nel forum, di mau-2 è da sottoscrivere in pieno !!!
Torna all'inizio della Pagina

GIOCU

3157 Messaggi

Inviato il 21/10/2007 :  17:31:27  Guarda il profilo di  Visita il Sito di GIOCU  Rispondi Citando
Citazione:
sbaglio o una volta esisteva una specie di commissione per la sicurezza

Tuttora ci sono degli incaricati federali che ispezionano il percorso.

Nell'ambito della discussione mi pare che ci si dimentichi spesso che i tracciati "appartengono" agli enti locali (Anas, province, comuni): ne consegue che ogni intervento da effettuare è a loro carico.
Non tutti gli enti hanno risorse sempre disponibili per adeguarsi ad un qualcosa che pur giovando alla viabilità ordinaria è di "straordinaria" necessità.
Ergo: ci sono tracciati adeguati ad ospitare gare di velocità ed altri non adeguati.
Non per questo si può pretendere che le spese di eventuali adeguamenti possano essere sostenute dagli organizzatori.
Facciamocene una ragione: il percorso è "adeguato"?
Sì, si corre.
No, non si corre.
Con buona pace di tutti.
Torna all'inizio della Pagina

GIOCU

3157 Messaggi

Inviato il 22/10/2007 :  15:03:14  Guarda il profilo di  Visita il Sito di GIOCU  Rispondi Citando
Che succede? Non scrive più nessuno??
Torna all'inizio della Pagina

pietris

10718 Messaggi

Inviato il 22/10/2007 :  17:02:36  Guarda il profilo di  Visita il Sito di pietris  Rispondi Citando
mau, come và ....?
Fà piacer leggere i tuoi interventi... ogni tanto....
Naturalmente scherzo, magari potessi scrivere con più assiduità...... il forum ne gioverebbe sicuramente.

Naturalmente il ragionamento di Giocu non fà una grinza...... Noi possiamo discutere quanto vogliamo, ma l'onere più alto lo dovrebbero sostenere gli enti proprietari dei percorsi..... e con questi chiari di luna....... NON sarà proprio semplice!
Ho visto alcuni filmati di Mickhausen, ho notato che il percorso sembrava molto in ordine....., rail tripla lama spettatori al loro posto, insomma un bel vedere...... Posso sbagliare ed in tal caso chiedo scusa..... Comunque lo spunto è questo. I percorsi brevi sono facilmente gestibili..... Le spese per l'ente si riducono....., l'organizzatore ha più possibilità di gestire i commissari "a vista", gli investimenti in genere potrebbero quindi essere anche parzialmente dirottati sulla sicurezza.
Il problema ........ I percorsi più corti non sono amati da molti.... E' indubbio che il fascino di un percorso molto lungo è innegabile ed incomparabile... però l'altra faccia della medaglia è che gli investimenti devono essere proporzionati, in funzione sicurezza sempre, alla lunghezza del percorso... Quindi percorso lungo, investimenti alti.
Siamo certi che i budget per il futuro siano sempre così munifici.....?
Io mi auguro di sì!

Ciao
Torna all'inizio della Pagina

CALIBRA16V

34265 Messaggi

Inviato il 08/11/2007 :  18:51:17  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
x pietris:il buon giocu,da qualche giorno,ha un po' di immagini,italiane ed estere,su cui meditare...relative all' argomento !
Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 155 Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
Pagina Precedente | Pagina Successiva
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Vai a:
Vai all'inizio della pagina CronoForum - Il Punto Di Discussione Sulle Cronoscalate - Cronosprint - © Cronosprint
Herniasurgery.it | Superdeejay.net | Snitz Forums 2000