CronoForum - Il Punto Di Discussione Sulle Cronoscalate - Cronosprint
CronoForum - Il Punto Di Discussione Sulle Cronoscalate - Cronosprint
Home | Profilo | Registrati | Discussioni attive | Utenti | Cerca | FAQ
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Dimenticato la tua Password?

 Tutti i forum
 Discussioni in .. Salita
 Piloti che Gente!
 FAUSTO BORMOLINI
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Pagina Precedente | Pagina Successiva
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva
Pagina: di 79

CALIBRA16V

35554 Messaggi

Inviato il 06/07/2010 :  18:26:56  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Riscatto a Rieti con un 3° posto come l' anno passato ?
Torna all'inizio della Pagina

ArmaLetale

8303 Messaggi

Inviato il 06/07/2010 :  18:32:37  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
il suo tifoso che non lo ha mai abbandonato anche quando veniva criticato è reatino....quindi speriamo che ripeta la buona prestazione dello scorso anno
Torna all'inizio della Pagina

fiat128coupè

2336 Messaggi

Inviato il 06/07/2010 :  19:57:03  Guarda il profilo di  Rispondi Citando

Caro Arma, e come posso dimenticarti dopo tutte le discussioni che abbiamo fatto sulla tua gara? Di certo so che posso contare sul tuo tifo e anche sull'appoggio dei tanti appassionati che seguono questo forum.

Sebastiano non sai quanta voglia che ho di riscattarmi dopo la pessima prova di Trento. Non ho scusanti. Avevo pneuamtici nuovi, la macchina era a posto ma io non ho saputo fare una salita che fosse degna di questo nome.

Il risultato rispecchia fedelmente la qualità della mia gara ed il fatto di essere dietro ad un 1.600 ed un 2.000 la dice lunga sulla mia prestazione.

Appena ho tempo vi posto un resoconto più dettaglaito sulla gara ma, per ora, vi ringrazio per l'appoggio e per la fiducia che mi accordate e che domenica cercherò di ricambiare al meglio.

Ciao a tutti.
Torna all'inizio della Pagina

Mikcama

612 Messaggi

Inviato il 06/07/2010 :  21:27:42  Guarda il profilo di  Visita il Sito di Mikcama  Rispondi Citando
Fausto lo sai che quella non è la tua posizione e sei andato così è solo per fattori a te non imputabili..

Sono sicuro che a Rieti ti rifarai con gli interessi!! Mio malgrado! ;)

Ci vediamo là campione!

P.s. non mi sono dimenticato della promessan che però vale anche per Rieti, quindi datti da fare che voglio pagare, ma anche farmi pagare sta cena!!

Torna all'inizio della Pagina

fiat128coupè

2336 Messaggi

Inviato il 07/07/2010 :  07:56:44  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Grazie Michele per l'incoraggiamento. Su Rieti ho più di un dubbio perchè non so a cosa imputare il risultato di Trento e quindi mi risulta difficile capire come poter uscire da questa situazione. Io ci proverò in tutte le maniere, questo è certo ma, comunque vada, so che sul Terminillo troverò sempre un amico sincero come te che mi riserverà una buona parola...... di complimenti (difficile...) o di conforto (molto più probabile..)


Torna all'inizio della Pagina

CHICO

4129 Messaggi

Inviato il 07/07/2010 :  09:37:46  Guarda il profilo di  Visita il Sito di CHICO  Rispondi Citando
Ciao Zio Fausto,


Sarà stato un treno Degli Pneumatici.... di gomme ciucco che ti ha mandato nel pallone?

Wuè Bbello FORZAAAAA ho preparato Tuta e Pennarello....

A presto
Chico

Modificato da - CHICO il 07/07/2010 09:38:02
Torna all'inizio della Pagina

fiat128coupè

2336 Messaggi

Inviato il 07/07/2010 :  11:52:25  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Con tutti sti "nipotini" affettuosi mi sa che devo darmi da fare per lasciare una piccola eredità a tutti.....

Per ora lascio a voi la lettura della mia pessima gara di Trento, sperando di non annoiarvi perchè sarà più un resoconto di "atmosfera" che tecnico. Iniziamo con dire che, per me,è stato un week-end da dimenticare ma che, come tutte le esperienze, lascia un insegnamento: questa volta mi ha ricordato, una volta di più, che non si può mai dare niente per scontato, anche le cose ovvie.
Mi riferisco al tempo della seconda prova di sabato quando sono salito in 10.20 e sono arrivato con i pneumatici posteriori in mescola morbida completamente distrutti con due crateri che tagliavano in senso longitudinale le gomme.
Con questa premessa sapendo di montare, per la gara, pneumatici nuovi e con una mescola diversa (A15) più dura pensavo che sarei sceso con il tempo in maniera importante tanto da poter puntare anche al gradino più basso del podio.
Previsione del tutto errata alla prova dei fatti; nessun miglioramento anzi un peggioramento del tempo di prova di quasi tre secondi. Sino al primo tornante mi era parso di aver fatto bene, poi in uscita perdo il posteriore e sono lento nel riprendere la vettura ma penso che la strada è ancora lunga e che posso recuperare.
Non so dirvi cosa passi esattamente nella testa di un pilota mentre sta facendo una brutta salita, perchè tu cerchi di andare forte ma ti accorgi che il pedale del gas sale più volte di quante dovrebbe, che il piede preme sul freno troppo spesso e troppo presto, che le traiettorie non sono ottimali ma speri sempre che siano solo sensazioni sbagliate, che la strada sia in condizioni pessime e tutti gli altri stiano alzando come te.....
Poi invece arrivi al traguardo, aspetti di sapere il tuo tempo e, in una frazione di secondo, ti cade il mondo addosso.
Guardavo il monitor dei tempi e pensavo che oltre alla stratosferico Simone, al martello penuamtico Mickama, all'inossidabile Cinellone, ero dietro ad una 1.600 (anche se guidata magistralmente da Leogrande) una F.Master (grande Pichler che, per mia fortuna, fa solo una gara ogni due anni), a Piero Nappi che rientrava dopo oltre due anni di inattività e che ammetteva di salire in apnea sin da Candriai (ma che a Rieti sarà sicuramente sul podio) e Paller, pilota di Franz alla sua prima gara con una F3000 senza aver mai fatto un test in pista.
Credo che basti quello che ho scritto a farvi capire come mi sentivo in cima al Bondone, deluso per non aver gratificato il lavoro dei meccanici e di Renzo, del tempo rubato al lavoro, dei soldi spesi inutilmente e della delusione che, in qualche modo, ero certo di aver dato a molti di voi che mi seguite da lontano.
Sono momenti sempre difficili che fanno da contraltare alla meritata ed invidiata gioia di chi invece ha saputo guidare al meglio e che ti lasciano vuoto senza voglia di parlare o gioire ma solo di stare solo.
Poi però pensi che gli altri hanno vinto, ti hanno battuto, e si meritano il riconoscimento per quello che sono stati capaci di fare e gli fai i complimenti, che ti pesano, che però sono gli stessi che tante volte ti sono stati fatti ma che, non sempre hai compreso quanto siano costati a chi li ha fatti.
Per fortuna poi passano un paio di giorni e devi comunque preprarti per la gara successiva e cerchi motivazioni e stimolo per rimediare alla pessima figura che hai fatto ed aspetti solo di essere al via della prossima prova.
A Rieti cercherò di riscattarmi anche se so che la concorrenza è tantissima e sarà difficile fare risultato; l'obbiettivo è di migliorare il mio tempo del 2007 e farò di tutto per riuscirci ma non so assolutamente se sarò in grado di farlo.
Per ora ciao a tutti e grazie per non avermi fatto pesare troppo la pessima gara di domenica.
Torna all'inizio della Pagina

Marco tutto salite

6525 Messaggi

Inviato il 11/07/2010 :  20:41:45  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
E' passato molto bene guidando in maniera perfetta e veloce dove ero io.
Torna all'inizio della Pagina

ZAKSPEED

6649 Messaggi

Inviato il 12/07/2010 :  10:26:37  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Prossimo fine settimana gara di BABA, "occhio" anche al forumista Fiat128coupè....(Simone è avvisato)
Torna all'inizio della Pagina

Marco tutto salite

6525 Messaggi

Inviato il 19/07/2010 :  22:14:39  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Sicuramente non sara' soddisfatto del suo 9° posto assoluto Bormolini.
Torna all'inizio della Pagina

fiat128coupè

2336 Messaggi

Inviato il 21/07/2010 :  08:20:34  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Con grave ritardo vi posto il mio resoconto di Rieti ma, con quello di Baba vi prometto che sarò più tempestivo...sempre che non siate stanchi di queste cronache spicciole di cronoscalate!!

Su Baba vi anticpo solo che la delusione per il risultato finale è tanta ma la possibilità di combattere con Simone era una occasione unica....e che dubito si ripeterà ancora.


RIETI 2010

La precedenti trasferte di Rieti mi hanno lasciato dei bellissimi ricordi come il secondo posto del 2007 ed il terzo dello scorso anno. Quest’anno ci ritornavo con molte meno certezze vista la pessima prova di Trento. Chiaramente speravo che il veloce percorso reatino mi permettesse di tornare a livelli più consoni al livello della mia macchina ma i dubbi erano tanti.
La gara la conosco molto bene ma, nonostante questo, ho riservato l’alba del sabato e della domenica a ripassare il percorso per cercare di trovare qualche secondo da recuperare.
Per i pneumatici scelta obbligata per la mescola utilizzata a Trento anche perché le gomme sono ancora oggi, dopo la gara trentina e le due prove laziali, ancora perfette nel battistrada…. ma un po meno nella resa. Tanto per dare un idea io, Scaramozzino e Cinelli, che abbiamo viaggiato su tempi simili, abbiamo usato tre mescole diverse della stessa casa senza rilevare differenze di prestazioni……….misteri inglesi!!!!

Il sabato la prima prova mi pare abbastanza buona ma poi, il risultato della seconda, mi lascia deluso visto che il miglioramento è stato veramente limitato vista la lunghezza del percorso.
E’ vero che avevo rallentato nell’ultimo tratto viste le condizioni del manto stradale ma il miglioramento era minimo e non in linea con quello dei miei avversari.
Avevo poi una grossa preoccupazione per la partenza visto che, come a Ecce Homo, la vettura nella seconda salita si era quasi fermata subito dopo lo start. Pensavamo di aver individuato il problema nella presenza di interferenze esterne di un segnale wi-fi ma pare siamo fuori strada ed il giorno dopo avremo la conferma.

Per la domenica quindi non sono molto ottimista anche se una buona cena insieme a Zakspeed mi mette di buonumore visto che abbiamo potuto parlare di gare e macchine davanti ad una birra insieme a Renzo ed ai ragazzi.

La domenica montiamo gomme nuove e ci prepariamo per la sfida. La possibilità concreta di un podio vista la defezione di Nappi con la FA30 mi carica ma so che sarà molto difficile perche Carmelo, Franco ma anche Renzo che ha avuto un grave problema con la pompa di benzina ma che ha fatto un crono vicino al mio, saranno avversari molto tosti.

Quando arrivo allo start vedo Renzo davanti a me che parte con un sobbalzo ed inizio a preoccuparmi; nel pre-start scaldo le gomme e poi cerco di tenere pulito il motore con regimi alti. Quando esce il verde e porto il motore a regime massimo ento che il rumore cambia, proprio come avvenuto a Ecce Homo; il tempo di lasciare la frizione che la macchina fa un sobbalzo, e si ferma nel silenzio rotto solo dallo speaker. Per mia fortuna la fotocellula era a circa 80 cm e quindi non l’ho tagliata. Il direttore Riva è il primo a farmi scuotere dicendomi di riavviare che ero ancora nel tempo di start e di ripartire subito Quindi un grazie a Riva che mi ha svegliato dalla trance di “muta disperazione” nella quale ero caduto.
Riavvio la vettura, riporto in alto i giri ed inserisco la marcia con il terrore che la vettura si spenga di nuovo e ci manca davvero pochissimo; la macchina ha un sobbalzo (in telemetria il motore passa da 9.100 g/m a 2.750 g/m) fa due saltelli e, finalmente, si libera e posso cercare di recuperare questa pessima partenza. Nonostante tutto riesco a fare un primo intertempo discreto e resto in linea anche nel secondo mentre nel tratto finale inizio a galleggiare e non riesco a tenere il passo di Carmelo che sale molto bene anche nell’ultimo tratto; nonostante tutto e riesco a tenere dietro Franco di pochissimo facendomi recuperare quasi due secondi nell’ultimo tratto.

Brucia il podio mancato ma è comunque un quarto posto che mi fa felice lo stesso perché le premesse erano molto peggiori. Il fatto poi di essere rimasto vicino alle altre F3000 in qualche modo mi soddisfa dopo la figuraccia di Trento anche se il distacco dal marziano Simone ma anche da Michele che si conferma di gara in gara più in sintonia con la sua PA30 è ancora molto, molto pesante ma essere il secondo dei “normali” è comunque una soddisfazione per me e per il team.
Adesso sono più tranquillo per la trasferta slovacca che ci attende perché potrò tornare ad utilizzare i pneumatici morbidi usati a Trier che mi hanno soddisfatto anche se dobbiamo cercare di risolvere, il problema dello start che è causato dalla variazione dell’anticipo che si verifica non appena il motore si avvicina al regime massimo a vettura ferma.
Quindi trasferta tutto sommato soddisfacente ma con distacchi ancora pesantissimi dalle Osella.
Ciao a tutti.

Modificato da - fiat128coupè il 21/07/2010 08:46:45
Torna all'inizio della Pagina

fiat128coupè

2336 Messaggi

Inviato il 21/07/2010 :  20:35:01  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Ciao. Come promesso vi posto il resoconto dell'ultima gara. Penso che capirete anche voi, leggendo, che ho potuto toccare il cielo con un dito e poi sono, malamente, caduto ma oggi, a qualche giorno di distanza, devo dire che in fondo ho fatto la scelta giusta anche se, in termini di risultato, non ha certo pagato.


La gara di Baba è molto veloce ed alterna un tratto centrale guidato con i due tratti iniziale e finale caratterizzati da punte di velocità elevate intorno ai 240 km/h (poco di più al via e poco di meno nella parte alta).

La concorrenza era comunque forte perché oltre al “solito” Simone comprendeva Kostruth con la Fa30 oltre ai piloti locali (Benes, Kramsky, Krajici, Neveril, Svoboda ecc) che nella gara di casa danno sempre il 110% e Renzo che va sempre molto forte a Baba. (Renzo poi, per motivi di lavoro, sarà costretto a dare forfait all’ultimo momento)

Il sabato il caldo è asfissiante con una temperatura vicina ai 36°. Facciamo le due sessioni di prova dove mi colloco sempre al quarto posto anche se soffro in entrambe la partenze anche se il problema è molto ridotto rispetto a Rieti. Nella seconda salita, la più veloce (2.04.3) , ho un distacco da Simone (1.59.8) di circa quattro secondi, con Benes (2.02.1) a due secondi e con Kraijci (2.03.6) a meno di un secondo ma sono fiducioso anche se gli altri sono vicinissimi visto che sono in sei tra i 2.05 ed i 2.06.

La notte il tempo cambia radicalmente con un temporale che bagna il pe4rcorso ed un vento fastidioso che si alza a folate. La mattina è nuvolosa ma senza pioggia ma la temperatura è scesa vicino ai 20° : Io sono molto ottimista sia per il problema di cui sopra ma poi anche perché ho allungato il cambio di 8 km/ (a 243 km/h) e questa temperatura farà sicuramente rendere meglio il motore ed anche perché sono tranquillo che utilizzando le gomme nuove con mescola morbida potrò attaccare senza il dubbio delle temperature.

Ci schieriamo al via ed inizia una leggerissima ma fastidiosa pioggia che inizia a bagnare la visiera e la vettura e che continuerà poi in maniera ininterrotta per tutta la giornata.. La cervellotica numerazione delle vetture mi costringe a partire per penultimo cinque minuti dopo Simone e spero solo che la pioggia non si intensifichi in quel lasso di tempo.

Per fortuna ciò non succede ed anche la partenza è buona.Il limitatore che si inserisce nella lunga sinistra che porta al primo tornante mi dà morale perché vuol dire che qualcosa ho già sicuramente guadagnato. Quando inizia il tratto lento sento che la macchina comincia a muoversi ma tutto resta nella media anche se mi pare di essere troppo aggressivo e di non guidare al meglio. Aspetto poi l’arrivo dell’ultimo tratto veloce, il più difficile, ma quello che so fare meglio con la esse dell’elicottero e la successiva destra già nella mia testa.

Alla esse dell’elicottero (una destra/sinistra/destra con compressione che porta ad un tratto rettilineo di 300 metri con una destrona finale di 100 metri da fare in pieno) entro pieno di quinta e la macchina chiama troppa strada costringendomi a levare un attimo e poi rimetto a fondo confidando sul carico aerodinamico per tenere la vettura ferma nel successivo cambio di direzione. Sento che la macchina vuole ancora strada ma la tengo interna per avere poi un angolo di sterzo più leggero nella destra in uscita e lascio il piede a fondo sull’acceleratore. Mi va bene……. ed allora mi attacco alla lunga destra con il limitatore che mi da una punta che mi fa capire che ho fatto un buon tratto.

Arrivo al traguardo con la ragionevole certezza di aver fatto bene ma adesso si deve aspettare il cronometro. Non devo aspettare molto perché Simone mi viene incontro sorridendo e facendomi i complimenti mi chiede “ secondo te con due centesimi di vantaggio posso gestire tranquillo la seconda manche?” Esempio di sportività e ironia nello stesso momento da grande campione qual è.

Inutile dire che sono molto contento e fiducioso di poter conservare la seconda piazza nella seconda salita visto che ho messo un discreto distacco anche dal Krajici che è terzo; so anche che Simone è salito più prudente e che il tempo che lui può fare (1.54/1.55) è di circa tre/quattro secondi migliore (1.58/1.59) di quello che io spero di poter fare e che per la vittoria non ci sono probabilità.

Poi inizia a piovere ancora prima della nostra discesa al paddock per la seconda salita.
A quel punto nella mia testa parte il famoso “embolo impazzito del pilota dilettante” che mi fa credere di poter puntare alla vittoria utilizzando la stessa tattica che mi ha portato a battere Simone nella seconda manche di gara ad Estrela e vincere la gara del Fito ovvero utilizzare gomme intermedie anziché le bagnato.

Faccio un assetto più morbido e mi “fisso” su questa scelta delle intermedie senza tener conto della temperatura e della pioggia leggera ma persistente e neppure del consiglio di Renzo che, per telefono, più volte mi ha consigliato di salire con le nuove Avon da bagnato. La mia convinzione è che il percorso sarà solo velato di acqua e senza pozze e potrò andare tranquillo anche con le intermedie.

Ci schieriamo al via ma qualche minuto prima che parta Simone ( e quando sono già saliti Krajici, Neveril, Kramsky, Benes ecc) la pioggia aumenta di intensità e poi, dopo circa due minuti, la gara viene interrotta perché Svoboda si è girato. A quel punto la pioggia è diventata importante ma non posso abbandonare la colonna di incolonnamento visto che i commissari non sanno quando riprenderà la gara e rischiamo di non fare in tempo a tornare al box e cambiare le gomme.
La gara starà ferma per circa cinque/sei minuti per dare il tempo a Simone e Janik di ridiscendere e ripartire. A quel punto so già che la vittoria è sfumata perche Simone in queste condizioni è assolutamente imbattibile ma vorrei almeno cercare di salvare il podio.

Già alla partenza la vettura fatica moltissimo a muoversi e poi nel primo tratto velocissimo prima ancora di arrivare a 200 km/h faccio un paio di acquaplaning e decido che è meglio cercare di attaccare solo sul lento altrimenti perdere la vettura nel veloce significa fare un grosso danno anche se le speranze di podio stanno sfumando velocemente.

Quando arrivo nel primo toboga riesco a fare un paio di curve buone poi tiro una frenata e la macchina si scompone e quando riapro il posteriore decide di farsi un giro e resto lì come un ççççç con la vettura ferma ma, per fortuna, accesa. A quel punto mi giro e riprendo la salita. Ho perso circa una decina di secondi che, comunque, non mi avrebbero portato sul podio ma, ad andare bene, intorno al quinto/sesto posto.

Se devo trarre una morale, col senno del poi, devo dire che una tattica conservativa con le rain avrebbe certo pagato con un probabile podio.

E’ anche vero che la sola idea di poter combattere con un pilota del livello di Simone è una carica di adrenalina che ti dà una bella sensazione e forse è valsa la pena almeno averci provato anche se, a livello tecnico, ho gestito male la situazione perché non sono rimasto con la mente aperta alle varie alternative ma mi sono chiuso ogni variabile sulla base di una sensazione e non di riscontri oggettivi

Anche se, parafrasando Venditti, devo dire che Simone, probabilmente, “è una montagna troppo alta da scalare” per le mie possibilità…..

Ciao a tutti!!
Torna all'inizio della Pagina

CHICO

4129 Messaggi

Inviato il 21/07/2010 :  23:23:33  Guarda il profilo di  Visita il Sito di CHICO  Rispondi Citando
Caro Zio,

ONORE A TE che hai ascoltato il CUORE.
L'audacia accompagna i GRANDI ricordalo.


Con Stima
Chico
Torna all'inizio della Pagina

Mikcama

612 Messaggi

Inviato il 21/07/2010 :  23:35:30  Guarda il profilo di  Visita il Sito di Mikcama  Rispondi Citando
Una prima manche STRABILIANTE, della seconda chi se ne frega!!
Sei l'unico che per ben due volte quest'anno, ha messo un pó di ansia al mio capo...

Grande Zio!!!!
Torna all'inizio della Pagina

acropolis

268 Messaggi

Inviato il 22/07/2010 :  09:07:11  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
fausto , complimenti per i camera car parlati o scritti . Ma tu sai che avevi la soluzione dei problemi della senconda manche , ma l'hai lasciata a casa o sul camion ...
Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 79 Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
Pagina Precedente | Pagina Successiva
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Vai a:
Vai all'inizio della pagina CronoForum - Il Punto Di Discussione Sulle Cronoscalate - Cronosprint - © Cronosprint
Herniasurgery.it | Superdeejay.net | Snitz Forums 2000