CronoForum - Il Punto Di Discussione Sulle Cronoscalate - Cronosprint
CronoForum - Il Punto Di Discussione Sulle Cronoscalate - Cronosprint
Home | Profilo | Registrati | Discussioni attive | Utenti | Cerca | FAQ
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Dimenticato la tua Password?

 Tutti i forum
 Discussioni in .. Salita
 Parco Chiuso
 PRO-SPINO TEAM
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Pagina Precedente | Pagina Successiva
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva
Pagina: di 35

dega

242 Messaggi

Inviato il 10/07/2008 :  13:10:40  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
quando ho letto l'articolo sul road book della valdelsa che mi spediscono a casa anche se non siamo iscritti a nessuna scuderia, devo dire che un po' di curiosità si è accesa in me. ma mai e neppure per un momento abbiamo pensato di non venire il prossimo anno
gara e accoglienza super
Torna all'inizio della Pagina

toby80

606 Messaggi

Inviato il 10/07/2008 :  14:09:23  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Grazie Dega! creedo che per chi organizza 2 gare un abase economica sicura sia il primo fattore da considerare!! quindi mi chiedo non effettuare lo spino storico, togliendo a chi lo spino lo ha fatto nascere è giusto??? io credo di no!! e se per far questo l'unico modo era quello di incassare 6/7 migliaia di euro in piu' per avere una base economica per poter metter in piedi tutto; bè non ci vedo nulla di male; con la crisi che c'è al giro poi...
ma se questo è causa di scandalo non credo che potra' rivedersi uno spino CIM STORICO; grazie alle vere Faine e Volpi della Valdelsa
Torna all'inizio della Pagina

Anyonello

1571 Messaggi

Inviato il 10/07/2008 :  15:26:00  Guarda il profilo di  Visita il Sito di Anyonello  Rispondi Citando
Primo di tutto un plauso a Pro-Spino che non ha paura di mettersi in discussione.
Poi giù con le critiche ...
- Sulla scelta dello Spino-Storico non vedo dove poter sostenere delle critiche, ben fanno gli organizzatori ad organizzare .... e se ci aggiungiamo anche le moto mi pare che sia un esempio lodevole (mi pare unico) di come rendere un tracciato un'attrazione continua, mi vien da pensare che se si riesce ad aggiungere qualcosaltro ci avviamo a creare un circuito semi-permanente con tutto ciò di positivo che potrebbe portare.
- sui più chilometri = a maggiore costi di iscrizione, lo sbaglio è come al solito della regolamentazione sempre troppo di parte e superficiale, non certo di chi (almeno credo) cerca di avere un VERO percorso di gara e non una prova di accellerazione.
E le critiche??? quelle le ho già fatte in altri post (virna ne sà qualcosa), le altre le rimando a fine stagione .. per non farvi rilassare troppo
Mi permetto, però, di registrare un fattore un pò trascurato:
il nuovo millennio (forse grazie ad internet e alla aggregazione che crea) ha portato una nota da non sottovalutare, gare un po "dormienti" gestite da storici ed istituzionali organizzatori, hanno fatto grandi salti di qualità con l'apporto di gente giovane meno pragmatica e molto più appassionata. Basta pensare ai ragazzi dello Spino, a quelli di Ascoli e Luzzi e a tante realtà che stanno crescendo.
Ciò premesso, passerò presto a le bacchettate perchè come si suol dire: Mazze e panelle fanno i figli belli.....
Torna all'inizio della Pagina

CALIBRA16V

39068 Messaggi

Inviato il 10/07/2008 :  18:43:10  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Ciao Anyonello,le "bacchettate" sono sempre bene accette,specie se costruttive:le gare che hai citato alla fine del tuo intervento hanno tanta voglia di migliorarsi (nei limiti del possibile)e gli organizzatori sono i primi a recepire suggerimenti e critiche (es. :ad Ascoli è stato distribuito a tutti i "verificati" un questionario relativo a gradimento,appunti,ecc.)!!!
Torna all'inizio della Pagina

pro-spino

415 Messaggi

Inviato il 11/07/2008 :  17:38:48  Guarda il profilo di  Visita il Sito di pro-spino  Rispondi Citando
Vi ringrazio, ma davvero ho fatto quest'intervento per "seminare" e non per "mietere"... tanto sapete tutti che io scrivo molto di rado nel Forum, quindi il poco tempo prezioso che ci dedico, vorrei che diventasse anche utile.

J.B. scrivi dai, le tue critiche sono fra le più "blasonate", lo sai!

Cugino Giocu, spero di rifare una bella chicchierata e magari contemporaneamente conoscere anche te, Pietris. Sono rimasto il più sconosciuto del gruppo ormai, mi scuso con tutti gli amici, ma ci sarà tempo di rifarsi
Torna all'inizio della Pagina

chiodo

460 Messaggi

Inviato il 11/07/2008 :  17:51:59  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
Ciao CUGINI!!!

Purtroppo quando si parla di € non tutti sanno quanto incassiamo a organizzare le gare.... altrimenti chi ce lo farebbe fare???

La passione per le corse in salita?????

Ma siamo matti?????



Ciao ragazzi buona estate!!!!


PS mi sa che siamo matti davvero!!!
Torna all'inizio della Pagina

pietris

11186 Messaggi

Inviato il 11/07/2008 :  17:53:19  Guarda il profilo di  Visita il Sito di pietris  Rispondi Citando
pro spino....
mi spiace, ma da ieri, giorno in cui J.B.Fender ha ufficializzato la sua richiesta agli amministratori di questo sito di essere cancellato da questo forum, non scriverà più qui, a meno di un suo ripensamento.....

Ciao
Torna all'inizio della Pagina

GIOCU

3313 Messaggi

Inviato il 11/07/2008 :  18:02:41  Guarda il profilo di  Visita il Sito di GIOCU  Rispondi Citando
perchè? (off topic)


Ale, ci sei a Gubbio?
Altrimenti programmiamo, con i dovuti tempi, una conviviale per Settembre inoltrato .
Saluti alla signora e al pupo.

Torna all'inizio della Pagina

dipsacus

3857 Messaggi

Inviato il 12/07/2008 :  20:33:29  Guarda il profilo di  Visita il Sito di dipsacus  Rispondi Citando
Di seguito a questo post inseriro' prima l'articolo apparso su "road book", periodico della valdelsa classic, a firma di Stefano De Santi, e successivamente la replica di Paolo Volpi, presidente della Scuderia Etruria.
In accordo con lo stesso Volpi mi e' stato chiesto di inserire la cosa anche nel forum, in modo da poter spiegare bene a tutti quali sono i termini della polemica legata all'aumento dell'iscrizione della gara storica dello Spino.
Scuderia Etruria e Prospino, a differenza di altri, non intendono sopire o nascondere alcuna critica ma ci tengono sia a difendere il loro operato, totalmente privo di scopi di lucro, sia il buon nome della gara, anzi delle GARE dello SPINO.
Buona lettura.
Luca Gradi
Torna all'inizio della Pagina

dipsacus

3857 Messaggi

Inviato il 12/07/2008 :  20:35:31  Guarda il profilo di  Visita il Sito di dipsacus  Rispondi Citando
L'AFFAIRE SPINO... (da Road Book)

E’ una cosa che oseremo definire
oramai “normale” il fatto che
un organizzatore di gare miste
consideri gli “Storici” esclusivamente
atti a coprire il budget
della gara; una specie di pecore
da tosare e da sopportare solo
per il fatto che portano i soldi.
Questa infatti è la sensazione
che si prova da anni nelle gare
“miste” . Una delle poche cose
che la Sottocommissione Autostoriche
ha ascoltato fra le proposte
del nostro Club è stata
quella (proposta fin dal 1996!) di
assegnare le validità CSAI solo
agli organizzatori di gare di sole
storiche.
Da qui alcuni sostenitori delle
miste si sono visti costretti a dividere
le manifestazioni (una settimana
le storiche e la successiva
le moderne) ed è appunto il caso
di quella bella gara che è la
“Pieve Santo Stefano – Passo
dello Spino”.
Ma qualcosa doveva pur confermare
lo spirito degli organizzatori
di gare “miste” (…tosare gli storici).
All’uopo, non sappiamo se
sollecitata o no da…qualche
organizzatore “disinteressato” o
meno, la CSAI, nel mese di Marzo,
(quindi quando i giochi erano
già in corso d’opera), ha pubblicato
una normativa in cui si autorizzavano,
(non si obbligavano )
gli organizzatori di gare con una
lunghezza superiore ai 7000
metri ad aumentare di altri 48
euro la tassa di iscrizione che
è già la più onerosa ed esosa
d’europa.
Ma Voi vi chiederete: cosa
c’entra con questo lo Spino che
da anni misura 6940 metri (e
quindi inferiore agli incriminati
7000).
C’entra, c’entra in quanto quella
volpe dell’organizzatore, con la
mentalità, come già detto, di
considerare gli storici solo pecore
da tosare, ha ben pensato
di portare la lunghezza della
gara a 7002 metri !! (cfr Art. 4
del RPG) rischiando anche per
la vicinanza di una curva sull’-
arrivo!!!
Sulla moralità della cosa non
vogliamo fare commenti, li lasciamo
tutti ai piloti, addetti ai
lavori ed appassionati che ci
leggono. i partenti sono stati
molti ma potevano essere assai
di più…non sappiamo quanto
economicamente sia stata valida
la scelta; nel nostro piccolo
almeno dieci dei nostri (anche
su nostra sollecitazione) hanno
rinunciato alla gara; ci sono
andati solo quelli che avevano
bisogno di punti in campionato .
Ma non è finita qui: solo dal
punto di vista morale ed economico;
il bello deve ancora venire
. La domenica successiva
alla gara delle storiche vi era la
“gara per antonomasia”, quella
“seria”, per l’organizzatore: la
gara delle vetture moderne.
Bene, sono stati costretti a
riportare la lunghezza al percorso
classico di 6940 metri!
Infatti un competente ed esperto
Direttore di gara nella persona di
Alberto Riva ha preteso che il
percorso venisse nuovamente
accorciato per motivi di sicurezza
!!!
Trascriviamo il documento ufficiale
3.3 affisso in albo alle ore
17,30 del 16/05/2008 che recita:”
Si informano i signori Concorrenti/
Conduttori che il traguardo
d’arrivo della 36^ Pieve
Santo Stefano – Passo dello
Spino per motivi di sicurezza
viene posto nella stessa posizione
delle precedenti edizioni
e pertanto la lunghezza del
percorso risulta di Km 6.940. –
Firmato il Direttore di Gara
Alberto Riva”. È chiaro che la
cosa assume, a questo punto,
anche un altro aspetto: l’organizzatore,
a giudizio di uno dei più
competenti e preparati direttori di
gara Italiani quale è universalmente
considerato il Riva, ha,
forse, rischiato di mettere a
repentaglio l’incolumità dei
concorrenti “storici “per un
puro calcolo economico !
Non vediamo infatti nessuna
differenza sulla rischiosità fra le
moderne e le storiche...forse
andrebbero meglio protette le
seconde, non fosse altro per i
decenni che si portano sulle
spalle e per i progetti tecnici
risalenti a quando la sicurezza
era un optional.
Concludiamo con un appello
alla CSAI facendo presente che
queste persone che hanno dimostrato
solo avidità in dispregio
anche della sicurezza, non
meritano, secondo noi, l’assegnazione
dei titoli nazionali
per la prossima edizione…se
a questo mondo c’è ancora un
po’ di giustizia.
Sarebbe richiesto inoltre, agli
organizzatori, un atto di umiltà
restituendo il mal tolto: i quarantotto
euro in più, ai concorrenti
ma ci sembra una pia illusione
conoscendo l’ambiente.
Concludiamo con un piccolo,
innocente dubbio, che, da buoni
organizzatori, ci viene in mente.
Siamo certi che la variazione di
lunghezza del percorso sia stata
ufficializzata ed approvata (con
nuove planimetrie ed altimetrie
particolareggiate scala
1:5000) dal dott. Mauro Luciani
(CSAI Milano) responsabile sicurezza
velocità in salita? Noi
crediamo di si…ma potrebbe
anche essere la causa dell’accorciamento
operato dall’
“attento” Riva; ma questa è
solo, una “fantaipotesi” spontanea
di fronte all’accaduto.

Stefano De Santi
Torna all'inizio della Pagina

dipsacus

3857 Messaggi

Inviato il 12/07/2008 :  20:37:27  Guarda il profilo di  Visita il Sito di dipsacus  Rispondi Citando
Inserito su precisa richiesta di Paolo Volpi, Presidente della Scuderia Etruria, cosa che faccio volentieri:

SPETT.LE REDAZIONE ROAD BOOK
CORTESE ATTENZIONE STEFANO DE SANTI

Rispondo con un po’ di ritardo al tuo articolo ,che chiama in causa la scuderia Etruria con pesanti insinuazioni ed anche me personalmente, con una greve ironia sul mio cognome, solo perché sono stato impegnato a fondo nell’organizzazione di altre due gare di rally, come ben tu sai.
Sono stato tentato di non alimentare una polemica che non fa bene a nessuno, polemica a senso unico in quanto hai riportato solo la tua opinione, senza lasciare spazio minimo ad un contraddittorio o ad un parere da parte della nostra Scuderia. Visto poi, per di più, che da altre fonti mi sono giunte voci e commenti sul tuo scritto, mi è sembrato inopportuno far finta di niente e così voglio spiegare ai lettori e a te (ovviamente richiedo,come d’uso, per questa replica, sul tuo giornalino, lo stesso spazio che hai concesso alla tua critica a senso unico) come sono andate le cose allo Spino, soprattutto alla luce del fatto che tu non eri nemmeno presente e lanci accuse solo in base ai sentito dire.
In questo senso avrei molto apprezzato magari una tua telefonata con eventuale richiesta di spiegazioni, ma evidentemente era pretendere troppo, così userò il tuo stesso mezzo per cercare di fare chiarezza e ristabilire l’ordine delle cose.
Anzitutto vorrei ricordare che, da oltre 30 anni, la scuderia Etruria organizza, con grande successo e ampi consensi, gare di ogni tipo – cronoscalate, kart, circuito fino ai rally, sia per auto moderne che storiche.
Non è nel nostro Dna di sportivi organizzare gare per “tosare gli storici” -parole tue- operiamo da appassionati e senza scopo di lucro, tutto quello che facciamo è alla luce del sole e se, per caso, da una gara rimane “qualcosa”, quel qualcosa lo reinvestiamo soprattutto per migliorare la sicurezza. Non sono stati investimenti da poco quelli fatti, negli ultimi anni, in particolar modo allo Spino, e di certo non solo grazie alla “tosatura degli storici”. Da quando abbiamo incominciato a organizzare nuovamente lo Spino sono stati rifatti numerosi chilometri di asfalto, sono stati impiantati chilometri di guard- rail, è stata inserita una doppia lama quasi ovunque, sono stati comprati centinaia di metri di new jersey in cemento, è stata migliorata la segnaletica, e tante altre cose che, come noto, occorrono per mettere in sicurezza i percorsi. E per gran parte di queste importanti spese scuderia Etruria e Pro Spino Team si sono “frugati” in tasca.
E per voler essere precisi fino in fondo, gli aumenti di tassa di iscrizione sono stati di 40 euro e non di 48, perché 8 euro sono di IVA, che versiamo regolarmente in quanto le fatture le facciamo fino all’ultimo euro…
Per quanto riguarda il famoso allungamento del percorso, mi preme sottolineare che la lunghezza è stata portata a oltre 7 chilometri effettivamente per aumentare la tassa di iscrizione. Perché, come noto, nelle gare di auto storiche la pubblicità sulle vetture non può essere messa. Pertanto è un introito in meno, con il quale si devono fare i conti. E siccome i costi di una organizzazione fatta con tutti i crismi sono assai elevati, per alleviare il carico di tali spese abbiamo pensato che un piccolo contributo anche da parte dei piloti - visto che, alla fine, si trattava di poca cosa a livello personale – per un risultato che mi pare si stato apprezzato da quasi tutti i partecipanti.
Ma il fattore economici non è il solo motivo dell’allungamento del tracciato. Un prolungamento anche poco significativo del percorso voleva essere un segnale che noi abbiamo inviato alle Amministrazioni Comunali, alle quali abbiamo dato il nostro impegno a riportare lo Spino alla lunghezza originaria di Km 12,500. Quello che dico è dimostrabile dai verbali delle riunioni tenute con le Amministrazioni Comunali e in tempi non sospetti .
Non voglio sottolineare più di tanto la tua affermazione che noi possiamo considerare alcune gare serie e altre meno serie. Per noi ogni gara è una cosa molto seria, nella quale esistono rischi che non vogliamo mai sottovalutare, così come facciamo da anni.
Il ritorno al percorso originale dei 6940 metri, per le vetture moderne, è stato deliberato in quanto una commissione di piloti, tra cui Oronzo Pezzolla, collaudatore e Ispettore dei percorsi, ha ritenuto di chiedere al collegio dei Commissari Sportivi il ripristino del vecchio percorso per avere, visto l’alto numero di Formula e Prototipi presenti ( circa un ottantina ), un tratto di decelerazione più lungo per aumentare la sicurezza. Il Collegio Sportivo, riunitosi, mi ha convocato. Ho manifestato la mia contrarietà ad un cambiamento del traguardo, ma ho poi dato parere positivo quando mi è stato fatto presente la motivazione di sicurezza per le “moderne” più potenti. Il Collegio ha deciso ed il Direttore di gara ha affisso il documento che hai menzionato.
Dispiace che certe osservazioni e insinuazioni pretestuose, come anche quelle legate alle altimetrie o sulla documentazione presentata alla Csai, vengano fatte da un pilota, nonché Organizzatore, perfettamente in grado di riconoscere percorsi pericolosi e non (lo Spino non lo è …) e che dovrebbe conoscere i regolamenti
Che dire poi dell’appello fatto alla Csai, esortandola in futuro a non assegnarci il titolo di Campionato Italiano. Davvero non è degno di commenti, ma forse il problema sta tutto lì …
Un ultimo appunto all’amico Corsani. Quello che è stato fatto, nel bene e nel male, è sempre stato deciso di comune accordo dalla Scuderia Etruria e dagli amici del Pro Spino Team. Condividiamo meriti o demeriti. Alla pari. I tentativi di dividerci su questi temi sono futili, la nostra amicizia e la nostra collaborazione sono forti, i risultati sportivi ci premiano. Personalmente non credo di essere un problema per la scuderia Etruria, ma se un giorno mi accorgessi di esserlo non avrei il minimo dubbio a togliere il disturbo .
Questo è quanto. La replica è stata piuttosto lunga, della stessa durata dell’attacco subito. Gradirei la pubblicazione integrale.
Un saluto
Paolo Volpi
Torna all'inizio della Pagina

dipsacus

3857 Messaggi

Inviato il 12/07/2008 :  20:42:02  Guarda il profilo di  Visita il Sito di dipsacus  Rispondi Citando
Aggiungo personalmente alcune brevissime note:

Innanzitutto il Sig. De Santi non era presente allo Spino nemmeno da spettatore....... (basterebbe questo)

Il sig. De Santi si vanta di avere fatto promozione al contrario contro lo Spino, inducendo - a suo dire - diversi piloti, forse decine, a non venire allo Spino. Inqualificabile, mai sentito. E l'ha anche scritto.....

Prospino e scuderia Etruria hanno fatto due gare proprio per dare spazio alle storiche, ormai compresse e sempre piu' marginali nelle gare classiche del panorama italiano. Abbiamo lavorato mesi, speso soldi e fatica oltre che passione soprattutto perche' ci piaceva e ci piace far vedere che le salite sono anche e forse di piu' storiche.
La coltellata del sig. De Santi e' meschina e soprattutto traditrice.

Ci sarebbe forse da vergognarsi un po'.

Infine attenderei qualche risposta ufficiale dalla Valdelsa Classic, soprattutto sul fatto che l'articolista si sarebbe dato da fare per boicottare lo Spino. Mi piacerebbe sentire la loro opinione.

Luca Gradi
Torna all'inizio della Pagina

zoom

774 Messaggi

Inviato il 12/07/2008 :  20:47:41  Guarda il profilo di  Rispondi Citando
ma scusate.....
il direttore di gara dell'edizione storica non si poteva comportare come ha poi fatto di seguito Riva?
se non lo ha fatto, presumo, non lo abbia tenuto necessario, per cui credo che eventuali responsabilita che poi hanno partorito illazioni lecite o non lecite (non sto a giudicare),siano da attribuire al direttore di gara e non all'organizzazione
Torna all'inizio della Pagina

dipsacus

3857 Messaggi

Inviato il 12/07/2008 :  20:53:21  Guarda il profilo di  Visita il Sito di dipsacus  Rispondi Citando
Caro Zoom sarebbe cosi' come tu dici in teoria ma......
le polemiche colpiscono lo Spino ma per arrivare piu' in alto.....
Non mi far dire di piu'.
In ogni caso se puoi rileggi bene sia le accuse che la replica. Sono lunge e' vero ma importanti.
In sostanza sentirsi dire che si fa la gara storiche per spennare i piloti e' assurdo! Casomai il contrario no?
Fare una gara costa e tanto lo sappiamo. Perche' avremmo dovuto spendere due volte?
Lo abbiamo fatto proprio perche' gli anni scorsi in molte gare gli storici erano ormai relegati in un angolo, spendendo pero' soldi buoni come gli altri.
Sentir criticare con questa argomentazione meschina chi ha fatto una gara proprio per la dignita' delle storiche e' vergogna....
Torna all'inizio della Pagina

Dr.Nick Patrick

1530 Messaggi

Inviato il 13/07/2008 :  00:33:32  Guarda il profilo di  Visita il Sito di Dr.Nick Patrick  Rispondi Citando
Il sig. De Santi si vanta di avere fatto promozione al contrario contro lo Spino, inducendo - a suo dire - diversi piloti, forse decine, a non venire allo Spino.

Peccato che allo Spino siano venuti quasi 120 concorrenti, tutto il meglio delle youngtimer da salita nazionali, e sarebbero stati di più senza la sciagurata decisione di Caprino di ammettere comunque le storiche...

So io chi è questo De Santi:
E'LUI MOSCERINO!!!!

Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 35 Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
Pagina Precedente | Pagina Successiva
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Vai a:
Vai all'inizio della pagina CronoForum - Il Punto Di Discussione Sulle Cronoscalate - Cronosprint - © Cronosprint
Herniasurgery.it | Superdeejay.net | Snitz Forums 2000